Il centro d’accoglienza diventa un inferno: migrante sfregia un altro migrante

21 Mag 2018 13:16 - di Redazione

Un 23enne gambiano ospitato nel centro di accoglienza “La Vela” di Telese Terme (Benevento) è stato arrestato dalla Polizia di Stato per tentato omicidio. Gli agenti del Commissariato di Telese Terme sono intervenuti nel centro di accoglienza a seguito della segnalazione di una persona colpita al collo con una bottiglia in vetro. Sul posto gli agenti hanno trovato un senegalese di 46 anni con una vasta ferita al lato sinistro del collo e che perdeva molto sangue. Il 118, dopo aver prestato le prime cure, ha trasportato d’urgenza l’uomo all’ospedale “Rummo” di Benevento dove è stato dichiarato in prognosi riservata.

Prima di essere portato in ospedale, il senegalese ha raccontato agli agenti che a colpirlo al collo con una bottiglia di vetro rotta era stato un altro ospite dello stesso centro con il quale qualche minuto prima aveva avuto una violenta discussione. Sono quindi partite le ricerche del 23enne gambiano, che è stato rintracciato nelle immediate vicinanze del centro di accoglienza ed è stato bloccato per essere condotto in commissariato. A supporto della testimonianza del senegalese anche quelle di altri due cittadini extracomunitari che hanno riconosciuto l’autore dell’aggressione. Inoltre, sulla maglia indossata dal 23enne gambiano erano ben evidenti macchie di sangue. Il 23enne gambiano è stato dichiarato in stato di fermo e portato nel carcere di Benevento, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • 21 Maggio 2018

    Ma per piacere uscite da questa prigione chiamata UE…Avete distrutto la cultura Italiana…piano piano Italia diventerà una nazione del terzo mondo___e questo non a niente che fare con razzismo, Italia puo aprire la frontiera e famiglie normali, famiglie che cercano una vita nuova, ma no questi criminali che. On rispettano niente della cultura Italiana…

  • SUGERITI DA TABOOLA