Ecco il Casini che rosica e diviene nostalgico: quando c’era Andreotti…

30 Mag 2018 19:46 - di Redazione

Pier Ferdinando Casini rosica perché Matteo Salvini vince. L’invidia del re dei trasformisti di centro è arrivata a livelli parossistici. Non ci dorme la notte il buon Casini che non conta più nulla e se si andasse adesso al voto non avrebbe più neanche il seggio. Così si trasforma in uno sputa sentenze.  «Salvini? Ha giocato con Di Maio come il gatto col topo… lo ha portato in giro, ma in realtà non ha mai avuto intenzione di fare il governo. Si prepara, sulle macerie del Paese, a guadagnare qualche punto in più alle elezioni».

Ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, Casini evoca i vecchi leader politici, ma in realtà pensa solo a se stesso e alla fine di quel mondo che lo ha visto protagonista. Diventa nostalgico. «Se penso ai protagonisti della politica di questi anni – dice – provo una profonda nostalgia per i grandi vecchi della Repubblica. Siamo passati da Fanfani a Di Maio, da Andreotti a Salvini. C’è qualcuno che preferisce questi secondi? Non credo». Casini è convinto che, alla fine, il governo tecnico non passerà e si andrà a votare. «Credo si andrà al voto presto. O c’è una condivisione ampia per Cottarelli o meglio andare ad elezioni subito, a luglio».

Terrorizzato di non tornare in Parlamento si attacca ai dem e li coccola: «Auspico che il Pd sia il seme di un’alleanza più ampia: moderati e progressisti si devono ritrovare in un fronte repubblicano nel nome della difesa della Costituzione e dell’Europa. Non ci sono scorciatoie. Concordo pienamente con la proposta di Calenda…».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Donald 31 Maggio 2018

    35 anni di parassitismo con le tasse degli italiani per questo portaborse voltagabbana… e ancora parla…

  • Laura Prosperini 31 Maggio 2018

    manco democristiano… non sei all’altezza dei dc di una volta (figli di… ma capaci ecolti).
    solo Andreotti, all’epoca,si dimostrò contrario, su suggerimento dell’economista Galloni, alla separazione fra Banca d’Italia e Tesoro (premessa all’unione euro-pea), poi prevalsero i poteri super forti (usa etc. etc.)

  • vincenzo solla 31 Maggio 2018

    Il fronte repubblicano, come lo chiami tu, é formato da gente come te che non ha dignità, sia politica che umana, che pensa solo al suo potere e se ne sempre sbattuto degli interessi del popolo italiano!!!
    Scomparirai con le prossime elezioni!!!

  • Corado Moraldi 30 Maggio 2018

    venduto ,traditore democristiano di m**** ! all’opposizione per sempre !amen

  • SUGERITI DA TABOOLA