C’è l’amico della Merkel ma lo spread s’impenna ancora. Italia sotto scacco

29 Mag 2018 10:07 - di Robert Perdicchi
Cottarelli

Neanche Carlo Cottarelli, l’amico dell’Europa, lomo del rigore, il tecnico gradito ai tedeschi e alla Merkel, riesce a tenere a bada il tanto temuto spread, che anche stamattina s’impenna, nonostante la “cacciata” da Palazzo Chigi dei “barbari”, i grillini, i leghisti e l’odiato Paolo Savona. Il differenziale fra Btp e dieci anni e omologhi Bund tedeschi sale in apertura di seduta a 262.9, ai massimi da ottobre 2013, poi tocca quota 300. Il rendimento dei nostri decennali è al 2,93%. `È il segnale che i mercati ci tengono in scacco, a prescindere dalle rassicurazioni di Mattarella e dai vetiai ministri anti-europeisti. Anche la Borsa soffre.

Avvio in rosso  con Milano a segnare il dato peggiore. Le principali piazze del Vecchio continente registrano perdite di oltre mezzo punto percentuale: Parigi segna -0,64%, Francoforte -0,61%, Londra -0,75%, Amsterdam -0,47% e Bruxelles -0,89%. Piazza Affari ha vissuto un avvio di contrattazioni piuttosto nervoso, l’indice Ftse Mib è sceso rapidamente sotto i due punti percentuali per poi recuperare e risalire a quota -1,71%. Analogo l’andamento dell’All Share, che al momento si attesta a quota -1,67%. Sul principale listino milanese sono le banche a risentire maggiormente della situazione: Ubi in avvio è andata in asta di volatilità con una perdita teorica del 4,93%. Riammessa agli scambi, ora cede il 2,33% a 3,35 euro per azione. Perdite di circa quattro punti percentuali anche per Unicredit (-3,86%), seguita da Banco Bpm (-3,06%), Bper (-3,25%) e Intesa Sp (-2,94%). Unici titoli in verde Stm, che guadagna lo 0,24% e Luxottica (+0,15%). Lo spread è in leggero recupero: al momento il differenziale tra Btp e Bund tedeschi si attesta a 256 punti base, con un rendimento del decennale al 2,85%. Continua invece a indebolirsi l’euro, che scambia con il dollaro a 1,1597.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • giulio 29 Maggio 2018

    grazie ai nostri rissosi bulletti, cui si è aggregata anche la meloni

    • GIORGIO MARIA BORGATO 30 Maggio 2018

      ma chi sei , Giulio , ma da che pulpito giudichi ? mi sa che sei un buffone . Impara l’italiano che è meglio .

    SUGERITI DA TABOOLA