Svolta gender all’università di Venezia: libretto con “alias” per i trans

giovedì 26 aprile 11:23 - di Fortunata Cerri

Un “aiutino” a tutti gli studenti che hanno iniziato il percorso per il cambio di sesso. Dopo Catania, Torino e Bologna, anche l’Università Ca’ Foscari di Venezia ha introdotto la “carriera alias”. Un sistema che permette di iscriversi online agli esami e di avere un tesserino per usufruire dei servizi dell’ateneo utilizzando la nuova identità: un provvedimento che l’Università Ca’ Foscari Venezia ha attuato per tutelare l’identità sessuale di tutti gli studenti e studentesse transgender e per offrire un ambiente di studio sereno, attento alla tutela della privacy e della dignità dell’individuo. La carriera alias garantisce a tutti gli studenti in transizione di genere di utilizzare un “alias” cioè un nome diverso da quello anagrafico e corrispondente alla nuova identità in fase di acquisizione.

Transgender e la “carriera alias”

La carriera “alias” resta attiva per tutta la durata della carriera effettiva. Una volta emessa la sentenza, la “carriera alias” verrà chiusa e l’anagrafica della carriera verrà aggiornata. L’attivazione può essere richiesta da chiunque abbia avviato un percorso di transizione di genere. Come riporta Blitzquotidiano è stato il caso specifico di uno studente a spingere il rettore di Venezia, Michele Bugliesi, a decidere di adottare questa misura. «Abbiamo colto la sollecitazione di quel ragazzo – ha raccontato Bugliesi – e ora sono più di uno i giovani che ci hanno chiesto un alias».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza