Stadio Flaminio: aspettando la riqualificazione è scontro di iniziative

giovedì 19 aprile 16:01 - di Guido Liberati

Per i romani e gli abitanti del quartiere è sotto gli occhi di tutti la condizione di degrado dello stadio Flaminio, gioiello architettonico progettato dall’architetto Nervi nel cuore della Capitale e oggi ridotto a vespasiano a cielo aperto. Sulla riqualificazione dello storico impianto sportivo la giunta Raggi, ormai al secondo anno di amministrazione, non ha mai mosso un dito. Molte dichiarazioni d’intenti, qualche tweet, parecchi post, ma nessun impegno concreto: in perfetto stile pentastellato. Parolaio e incocludente.

Il manifesto di Retake

Il manifesto di Retake

L'iniziativa al Flaminio successiva, a pulizia effettuata

L’iniziativa al Flaminio successiva, a pulizia effettuata

Al Flaminio mobilitazione per il Natale di Roma

Anche per dare una sveglia all’amministrazione grillina, l’associazione indipendente Retake che combatte il degrado, ha organizzato per il 21 aprile una grande mobilitazione sui Social network proprio presso lo stadio Flaminio. «Per chi se lo ricorda nelle Olimpiadi nel ’60 – si legge in un post su Facebook – per chi vedeva il rugby negli anni 2000, per chi ci andava quando sostituì lo Stadio Olimpico prima del ’90. Sabato è il nostro giorno. Sabato è l’ora di #wakeupflaminio: il Natale di Roma, la festa di Retake e l’inizio di un percorso di rinascita per tutto il Flaminio». Armati di guanti, scopettoni e palette, i volontari di Retake cercheranno di togliere erbacce e spazzatura che in questo tempo si sono accumulate nella zona antistante al Flaminio.

La Giunta Raggi si fa bella col lavoro degli altri

L’adunata è convocata per le prime ore della mattina. Per la precisione dalle 9: fino alle 15 i volontari saranno all’opera per rendere presentabile la zona. Proprio alcuni volontari di Retake hanno fatto notare che, alle 15 inizia nello stesso posto una manifestazione ludico sportiva organizzata dal Municipio II, l’unico a guida. A seguire un dibattito per illustrare la posizione della giunta Raggi sulla situazione del Flaminio. La minisindaca del II Municipio di Roma, Francesca Del Bello, ha già anticipato a Repubblica Roma come si imposterà il progetto. Il primo passo «è quello di restituire decoro allo spazio intorno allo Stadio». Se è solo propaganda si scoprirà dopo il 21 aprile.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza