Preso a calci e pugni in classe dai compagni. Filmate le violenze (video)

domenica 22 aprile 17:42 - di Milena De Sanctis

Ancora un caso di bullismo, questa volta arriva dalla provincia di Lecce. Vittima un ragazzo di 17 anni, preso di mira per mesi dai compagni di classe che hanno anche filmato violenze e soprusi in un video che ha iniziato a girare in maniera virale fra i gruppi chat di WhatsApp. Il minorenne – come riferisce il Quotidiano di Lecce – non ha mai trovato il coraggio di confidarsi con i genitori fino a quando però qualcuno ha inviato quel video alla madre. Nel filmato si vede il ragazzo messo in un angolo con una sedia mentre un suo compagno lo prende a calci. Il tutto, davanti agli altri compagni di classe. I genitori, che hanno presentato una denuncia alla procura di Lecce, si sono resi conto del perché il loro figlio aveva sempre lividi sul corpo e non andasse più a scuola volentieri.

Preso a calci e pugni, la denuncia

Il 17enne veniva picchiato quasi ogni giorno da alcuni suoi compagni di classe. «Spesso lo prendevano a pugni, calci e lo spingevano addosso alla lavagna usando la sua maglia come cancellino», 0 riferisce il legale che rappresenta la famiglia del minore, Giovanni Montagna. «Lui non si è mai confidato con i genitori e anzi quando tornava a casa pieno di lividi diceva che se li era fatti durante l’ora di educazione fisica. È un ragazzo molto timido, introverso, ha paura e anche adesso si è chiuso in sé stesso, non parla, è molto reticente», spiega l’avvocato annunciando di voler valutare con la madre del ragazzo se chiedere un ascolto protetto davanti al giudice.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Patrizia Messina 22 aprile 2018

    Far lavorare duramente in giardini pubblici e/o campi agricoli – per dieci ore continuative al dì – e per almeno tre, quattro anni consecutivi, questi inutili, violenti, senza cuore, né cervello, pseudo-minorenni. Senza cercar di “capire” e/o giustificare alcunché… – Hanno sbagliato? – Che paghino!

  • In evidenza