Più che guru, para-guru: accusato di stupro di una 16enne, punta a farla franca

mercoledì 25 aprile 12:43 - di Martino Della Costa

Asaram Bapu, il controverso guru indiano che afferma di avere milioni di seguaci in tutto il mondo, è stato giudicato colpevole dello stupro di una ragazza di 16 anni, avvenuto nel 2013 nel suo ashram nella città settentrionale di Jodhpur, nel Rajasthan. Ma lui, più “para-guru” che guru, punta a farla franca e annuncia: ricorrerò in appello per arrivare a una sentenza di assoluzione…

Guru indiano condannato per lo stupro di una 16enne

«È stato riconosciuto colpevole. Speriamo che la corte gli infligga la pena più severa possibile», ha detto il padre della vittima ai giornalisti che lo hanno intercettato e intervistato fuori dal tribunale. Il giudice Madhusudhan Sharma ha pronunciato la sentenza contro il 77enne para-guru indiano all’interno della prigione di Jodhpur e la città è in stato di massima allerta per il rischio di disordini e violenze da parte dei suoi sostenitori. Il verdetto arriva infatti tra la crescente rabbia dell’opinione pubblica per i casi di stupro di giovani ragazze negli ultimi giorni e lo scorso anno; già la condanna di un altro guru, Gurmeet Ram Rahim, ha provocato in tempi recenti decine di morti.

Che para-guru! Andrà in appello contro la condanna

Secondo quanto riportano i media locali, sembra praticamente quasi certo che Asaram ricorrerà in appello contro la sentenza, puntando addirittura – a dispetto della ormai acclarata colpevolezza – a una sentenza di piena assoluzione. «Nulla può compensare il trauma che la vittima e la famiglia hanno attraversato», ha detto alla Ndtv Utsav Bains, l’avvocato della ragazza, aggiungendo che Asaram deve affrontare la pena massima dell’ergastolo per il crimine. Il giudice annuncerà la sentenza dopo aver ascoltato gli argomenti dell’accusa e della difesa. Il guru, che gestisce 400 ashram in tutto il mondo, dove insegna meditazione e yoga, era stato arrestato dopo la denuncia alla polizia di Nuova Delhi dei genitori della vittima, entrambi suoi seguaci. La polizia dice che il guru ha costretto la giovane, che stava prendendo lezioni spirituali in uno dei suoi ashram, a compiere atti sessuali con lui e ha minacciato di uccidere la sua famiglia se avesse parlato dell’incidente. Asaram è sotto processo, insieme a suo figlio, anche in un altro caso di stupro, stavolta però, nello stato di Gujarat. Ma lui, più para che guru, continua a volere essere assolto e dichiarato innocente…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • roberto 25 aprile 2018

    indecente

  • In evidenza

    contatore di accessi