Minaccia la figlia incinta col coltello. In passato aveva tentato di uccidere l’ex moglie

giovedì 26 aprile 15:27 - di Fortunata Cerri

Una donna incinta è stata minacciata con un coltello dal padre ubriaco. La giovane è riuscita a chiamare i carabinieri mentre il padre brandiva il coltello aggirandosi in casa e scagliando piatti contro di lei. L’arrivo dei militari ha fatto scappare l’uomo – che un decennio fa aveva tentato di ammazzare l’ex moglie – che poco dopo è stato rintracciato. Una giovane 29enne, residente a Livorno, ha chiesto l’intervento di una pattuglia dell’Arma perché, all’interno della sua abitazione il padre, in stato di alterazione alcolica, la stava minacciando con un coltello. La figlia ha riferito di essere in stato interessante ormai in procinto di partorire. La centrale operativa del comando provinciale dei carabinieri ha inviato immediatamente una gazzella e ha allertato il 118. Sul posto i militari hanno trovato solo la giovane, molto spaventata, mentre il padre, visto l’arrivo dei carabinieri, si è dato alla fuga. I carabinieri hanno rinvenuto un coltello da cucina per terra ed un paio di piatti scagliati contro una parete di casa.

Incinta e minacciata dal padre

La 29enne precauzionalmente è stata portata al pronto soccorso per accertamenti. Nel frattempo, i carabinieri hanno rintracciato alcuni testimoni oculari che hanno confermato la versione data dalla figlia e poco dopo hanno trovato il padre: M.B., un 55enne livornese, con precedenti per maltrattamenti e tentato omicidio doloso nei confronti della ex moglie nel 2005. Adesso l’uomo di fatto è un senza fissa dimora che trova riparo alla stazione ferroviaria quando non è ospitato dalla figlia. In serata la donna ha ricontattato la centrale operativa ringraziando i carabinieri intervenuti e ha riferito che sia lei che la nascitura godono un ottimo stato di salute, facendo così ritorno a casa. La vicenda giudiziaria di M.B. sarà definita nelle prossime ore in attesa della denuncia-querela che verrà sporta dalla figlia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi