La “pacifica” Svizzera fa il muso duro al tiranno coreano Kim Jong Un

mercoledì 25 aprile 18:36 - di Robert Perdicchi

La nazione più pacifica, e pacifista del mondo, la tranquilla Svizzera, patria della diplomazia, rafforza le sue armi contro il regime coreano di Kim Jong Un. Armi commerciali, ovviamente, visto che il Consiglio federale ha ulteriormente inasprito le sanzioni nei confronti della Corea del Nord. La decisione odierna è stata presa in applicazione della risoluzione 2397 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, votata il il 22 dicembre 2017 in seguito al test missilistico del 28 novembre.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi