Gentiloni ci spieghi perché l’Italia schiera i missili in difesa della Turchia

giovedì 26 aprile 19:34 - di Antonio Pannullo

Il governo uscente deve ancora spiegare agli italiani perché manteniamo una missione in Turchia per difendere Ankara da non si sa quale pericolo. Pochi in Italia sanno infatti che da oltre un anno manteniamo in Turchia una batteria missilistica puntata sulla Siria. Con noi ci sono gli spagnoli con i loro patriot, mentre gli italiani hanno i missili Samp/T, gli Aster 30. Siamo schierati sulla frontiera nella missione Active Fence, Barriera attiva. È assolutamente inspiegabile, come abbiamo già ribadito in passato, perché noi dobbiamo difendere uno dei più forti eserciti del mondo, quello turco, che è il più forte della Nato dopo quello statunitense. Soprattutto perché adesso dalla Siria non vengono minacce per i turchi, semmai il contrario, visto che la Turchia ha invaso la Siria, Stato sovrano, per sterminare i curdi. Il tutto nel silenzio di Nato, Ue e Onu. Erdogan in visita a Roma, un paio di mesi fa, chiese – meglio. ordinò – di rimanere. Il governo del Pd ha sempre tenuto nascosta questa operazione, perché si sa che occhio non vede cuore non duole. L’unità missilistica italiana, schierata nella città turca di Kahramanmaras e inserita nell’ambito del sistema di difesa aerea integrata della Nato contro un’eventuale minaccia missilistica proveniente dalla vicina Siria, è stato infatti uno dei temi in cima all’agenda dei colloqui a Roma tra il leader turco Recep Tayyip Erdogan, il capo di Stato Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Lo ha sostenuto lo stesso Erdogan parlando poi con i giornalisti turchi che lo hanno accompagnato durante la missione in Italia. Erdogan, scrive il giornale Hurriyet, ha riferito di una richiesta di Ankara per una proroga del mandato fino al settembre 2018. “È stato prolungato. Per noi è molto importante”, si è vantato Erdogan.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 29 aprile 2018

    Cari comunisti, voi lo avete messo al governo senza che fosse stato votato dal popolo e voi ve lo sbattete come meglio vi garbi. Non volete un vero governo che governi ? Allora affogate nella mer….. piu’ profonda, tanto ci siete gia’ abituati alla puzza.

  • davide cogliati 28 aprile 2018

    I TURCHI MIRANO A PRENDERE POSIZIONE IN SIRIA PERCIO’ SONO LORO GLI AGGRESSORI, MA COME OVVIO GENTILONI DEGNO RAPPRESENTANTE DELLE SINISTRE NON HA CAPITO NULLA O MEGLIO FINGE DI NON CAPIRE DA CHE PARTE STARE.

  • Silvia 28 aprile 2018

    Ma i curdi, non li difende nessuno?

  • Ferruccio 28 aprile 2018

    Buongiorno, grazie per le informazioni, non sapevo di questa situazione. Solo una domanda: a quando un vero governo di DESTRA che ci consenta un vero ed effettivo recupero della nostra SOVRANITA’ NAZIONALE?

    • Angela 28 aprile 2018

      Le lobby non consentiranno mai che un governo di centro destra possa governare…quelle rare volte che è stato eletto un governo di centrodestra,puntualmente è stato fatto cadere con il beneplacito dei nostri Presidenti che stranamente erano tutti di estrazione di sinistra e quindi temo non “governeremo”mai….

  • maurizio turoli 28 aprile 2018

    Quali li interessi econici degli Agnelli, dei Soros, di Carlo De benedetti e delle banche italiane in Turchia?

  • Pino1° 27 aprile 2018

    Nelle tribù del deserto i rais ‘ospitavano’ a casa loro i primogeniti maschi che gli dovevano essere inviati dai capitribù sottomessi. I capo tribù sottomessi sapevano ovviamente che fine avrebbero fatto i loro figli se il loro popolo avesse sgarrato !!! Abbiamo a che fare con popoli che ragionano ed operano ancora con concetti clanici, anche se apparentemente nazioni, sì ma di popoli tribù! Le NOSTRE truppe (soldati) sono li insieme alle NOSTRE installazioni di punta con questo fine ! Ricordate Salvatore LaTorre, Massimiliano Girone ? Il Keralat li sequestrò e noi facemmo gli zimbelli del mondo per una vita, perché ! Perché i gentili, i napoletani, i mattoncini, se ne fott**o di tutti noi, dei nostri figli, della nostra dignità di paese, basta che loro vivano bene sorridendo e rubando, da ignoranti quali sono non hanno idea del mondo in cui andiamo a mettere le mani e fare accordi ! Accordi con chi? Con i turchi? Che prima ti torturano,poi ti sodomizzano e ti uccidono come regola di vita riservata ai non turchi? Erdogan è un assassino al pari di tutti i capi di quelle etnie ! Gli schiaffi di erdogan che viene in italia da gentilini a dirgli dove se la deve mettere la nave Eni…. parla chiaro, noooooo?

    • Umberto Isolica 28 aprile 2018

      Non si può che essere d’accordo. ..questo è uno dei tanti risultati per aver perso malissimo l’ultima guerra. Ossequi

    In evidenza