Cina, AAA cercasi donatori di seme: no perditempo e solo comunisti garantiti

giovedì 19 aprile 15:53 - di Lara Rastellino

AAA cercasi donatori di seme. No perditempo. Possibilmente moto-muniti, militi esenti e, decisamente, comunisti garantiti. l’inserzione non è precisamente questa, ma potrebbe esserlo: secondo quanto si apprende da Pechino e viene riferito dal Messaggero online in queste ore, «tra le richieste che ultimamente sono state fatte dalla banche del seme di alcuni centri della fertilità in Cina per reclutare donatori c’è anche quella di “amare la madrepatria socialista e il partito comunista”».

Cina, cercasi donatori di seme comunisti doc

Proprio così: prima di garantire lo stato di salute. Prima di indicare prerogative fisiche e caratteristiche genetiche, piuttosto che richiedere prioritariamente l’assenza di difetti fisici particolarmente penalizzanti, la prima esigenza in lista è quella di una provenienza congenita rigorosamente comunista. Una particolarità che ha fatto scalpore e destato più di una perplessità, e non solo nel Celeste Impero da dove è poi rimbalzata nel resto del mondo, fino ad essere riprese e rilanciata dall’Avvenire, storica testata dei vescovi che, sintomaticamente, l’ha inserita di rigore nel supplemento intestato alle tematiche e agli approfondimento di questioni inerenti la difesa della vita.

La richiesta formulata nei principali centri della fertilità

E allora, da quanto si apprende dai quotidiani appena citati, negli ultimi anni in Cina, proporzionalmente alla domanda – crescente – di figli in provetta, sembra sia aumentata anche la strana richiesta, espressamente menzionata sui moduli dei centri della fertilità cinesi dove evidentemente, la lunga mano del controllo del partito comunista arriva a toccare – e da vicino – la vita privata delle persone al punto da imporre richieste a dir poco inconsuete e stravaganti come l’adesione – ereditaria – al partito comunista dei donatori di seme. Un’ultima chicca: come scrive il Messaggero, «tra le cliniche che hanno bandito una grande campagna per reclutare donatori, applicando le norme richieste dal partito, anche la terza università di Pechino».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi