Carrara, sangue sull’asfalto. Auto si ribalta e finisce sulla cancellata: morti 4 ragazzi

sabato 21 aprile 11:08 - di Martino Della Costa

Sangue  sull’asfalto di Carrara: di ritorno da una festa, quattro giovani amici a bordo di un’auto si schiantano su una cancellata e muoiono. Miracolosamente salvo il quinto passeggero. Dunque, ancora una serata finita in tragedia: è di quattro morti e un ferito il terribile bilancio di un incidente stradale avvenuto intorno alle 3 della scorsa notte sul lungomare di levante, in viale Da Verrazzano, a Marina di Carrara (Massa Carrara). Per cause in corso di accertamento un’auto ha iniziato a sbandare e si è ribaltata nei pressi dell’incrocio con viale Zaccagna, finendo la corsa contro una cancellata. I cinque ragazzi che erano a bordo dell’auto sono stati sbalzati fuori. Quattro di loro sono morti sul posto. Il quinto è stato portato in ospedale e, miracolosamente, non sarebbe in pericolo di vita.

Carrara, tragico incidente: morti 4 ragazzi

Un tragico copione che si ripete: stavolta il teatro dell’incidente mortale è una strada di Marina di Carrara dove è finita, al termine di una serata trascorsa una festa in un pub della zona, la vita di 4 ragazzi. Per loro, quando sul luogo dell’impatto mortale sono arrivati i soccorsi, a partire dalle ambulanze del 118, e poi la polizia stradale, i carabinieri, la guardia di finanza e i vigili del fuoco, non c’era già più nulla da fare se non constatare la gravità dell’incidente, accertare l’identità delle vittime e ricostruire la possibile dinamica dei fatti. E allora, quello che oggi sappiamo, è che due delle vittime dell’incidente sono ragazzi inglesi, e gli altri due, una ragazza e un giovane, erano residenti a Carrara. Tutti, insieme a un quinto amico rimasto lievemente ferito e miracolosamente scampato al dramma, erano a bordo dell’auto, una Y10, di ritorno da una festa che si era svolta in un locale della zona. Naturalmente, come spesso accade in questi casi, tra le prime ipotesi avanzate riguardo la causa dell’incidente, c’è quella dell’alta velocità.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza