Berlusconi: il centrodestra non è un artificio, io non ho mai posto veti su Di Maio (video)

mercoledì 18 aprile 19:48 - di Redazione

Silvio Berlusconi, accompagnato da Maria Stella Gelmini e da Anna Maria Bernini, è stato circa un’ora a colloquio con la presidente Casellati, che domani continuerà il suo giro di consultazioni.  Berlsuconi ha preso atto che la situazione è ancora di stallo:  “Di Maio – ha detto – ha espresso le posizioni di sempre, ha detto che il centrodestra è un artificio, ma noi come partiti di centrodestra siamo insieme da molti anni, abbiamo  governato per nove anni, abbiamo governato importanti regioni, partecipiamo insieme a delle elezioni regionali, abbiamo approvato e siglato lo stesso programma. Non solo – ha aggiunto – ma 172 nostri parlamentari sono stati eletti col voto degli elettori dei tre partiti. Questa è una coalizione che non può mai essere definita artificiale. Avendo appreso queste notizie non abbiamo potuto far altro che mantenere la nostra posizione, e approfitto per dire che da parte nostra non sono mai stati messi dei veti nei confronti di nessuno, i veti sono venuti a noi dai Cinquestelle. Abbiamo caso mai insistito sul fatto che essendo il centrodestra la coalizione che ha preso più voti spetta al centrodestra esprimere il nome del futuro presidente del Consiglio”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Francesco Desalvo 19 aprile 2018

    Dire la verità non è equivalente a porre dei veti. E che i grillini non conoscano l’abc della democrazia è una verità. O forse lo conoscono e lo calpestano. Esempio: a Genova nelle loro primarie era uscita una donna, e le hanno annullate perché volevano un amico di Grillo (che poi ha perso, e forse la donna avrebbe vinto).
    O come ha testimoniato il Foglio hanno ribaltato il programma di governo votato dai loro iscritti. Semplice: i voti dei loro iscritti (espressi sulla loro piattaforma Rousseau) contano solo se approvano quello che dice il capo, se no spariscono. Appunto, il (marchese del) Grillo.
    O pongono un veto a 5 milioni di voti per poter contrattare con Salvini rimasto solo e posto in minoranza rispetto a loro. Tipo gioco delle 3 carte, oppure usare la democrazia come un taxi.
    Potrei continuare a lungo, ma non vorrei oltrepassare i bit disponibili per un commento.

    Previsione: se nasce un governo 5stelle/PD, dura minga. Ricordo che gli elettori grillini delle regioni del nord avevano votato compatti (contro le indicazioni del loro partito) i referendum di Maroni e Zaia per l’indipendenza fiscale regionale. Se 5stelle va al Governo e realizza il diritto di cittadinanza per il sud dovrà insabbiare la discussione di indipendenza regionale delle tasse iniziata da Gentiloni. Se no dove li pigliano i soldi? Quando i grillini del nord finalmente se ne accorgeranno, vireranno in massa verso chi gli difenderebbe i soldi. E nella futura elezione, se il governo 5stelle/PD durerà poco ci sarà una bella virata, forse con separazione Nord/Sud come in Catalogna.
    Contemporaneamente Salvini avrà chiesto scusa a Berlusconi per aver (lui Salvini) posto il veto a PD ed averlo lasciato andare in braccio ai 5 stelle.

  • Giancarlo Cotroneo 19 aprile 2018

    Beh , i grillini sono i nuovi nazisti , dal punto di vista della democrazia e da quello dei contenuti ; ciò non impedisce di lavorare insieme ! Quanti bocconi amari si inghiottono nella vita !

  • Ben Bellantone 19 aprile 2018

    Vercesi sarebbe piu’ onesto riconoscere tutto cio’ che ingiustamente e’ stato rovesciato su Berlusconi dai diversi M5S di Travaglio, uno che travolge le verita,’ che ricorrere a cio’ che si dice in una competizione elettorale, che e’ sempre concesso,

  • ANTONIO FARO 19 aprile 2018

    Berlusconi si ricorda tutto, e lo conferma anche, ma caro lettore i veti sono altra cosa, e Berlusconi e tutta la coalizione finora non hanno posto veti. Sono d’accordo altresì he Di Maio non sia adatto a fare il
    Presidente del consiglio.

  • gianfranco 19 aprile 2018

    Che faccia tosta! Ci fa e ci è……arroganza e menzogna sono per costui pane quotidiano. Ma neanche essere trattati come scolaretti convince Lega e FdI a mollare tale personaggio?

  • Enrico 19 aprile 2018

    I brocchi 5stelle hanno proclamanto le sanzioni contro Silvio Berlusconi. Credo che porre veti finisca col danneggiare chi li pone. Questa scalcinata compagnia Grillina è prigioniera delle sue stesse fesserie.

  • alberto caioli 19 aprile 2018

    Caro “Silvietto”, oramai hai i tuoi anni e, come tutti nella vita alla tua età, non siamo “pulitissimi” con le leggi! Pertanto non puoi voler comandare essendo un pluricondannato ( anche con qualche truffetta che ti ha fatto scagionare dalle tue responsabilità…..) e stando, costretto, al di fuori delle “cose pubbliche”! Smetti di sparare cazzate, come Renzi, e lascia fare gli altri!

  • Pascal 19 aprile 2018

    Ad ogni incontro con la coalizione di Centro_Destra, che ha il maggior numero di parlamentari a differenza del Movimento5Stelle, assistiamo allo spettacolo ripetitivo e con il sogghigno del noto “Pulcinella”, che non soddisfa se non per teatralità partenopea.

  • sergio la terza 19 aprile 2018

    Forse è sbagliato?il voto aiGrillini era un voto portato a ricevere in salario da poltrona.un campagna elettorale che ha dato i suoi risultati,oggi sarebbe uguale?????

  • GIOVANNI TAGLIAFERRI 19 aprile 2018

    L’ex Cavaliere non si capacita ancora che il Nazareno non può più risorgere!

  • GIOVANNI TAGLIAFERRI 19 aprile 2018

    Ammazza, che sfrontato!

  • sergio la terza 19 aprile 2018

    Quanto detto dal Cavaliere rispecchia il pensiero degli Italiani.Siamo gente che può accettare qualsiasi governo che sia retto da un Capo che abbia esperienza sufficiente a garantire un governo saldo e forte per usi interni ed esteri.Dimaio,che dimostra megalomania all’eccesso,faccia un passo indietro studi e si prepari un giorno forse……….

  • Gino Vercesi 19 aprile 2018

    Berlusconi non si ricorda più di quante ne ha dette contro i Grillini in campagna elettorale e ancora più recentemente quando li ha indicati come quelli che non sanno neanche l’abc della democrazia

  • In evidenza