Al Garibaldi di Catania 15 ricoverati per morbillo. Varicella a Pavia

mercoledì 11 aprile 16:47 - di Redazione

Sono 15 in tutto, in questo momento, i pazienti affetti da morbillo e ricoverati all’ospedale Garibaldi di Catania, dove la scorsa settimana un bimbo di 10 mesi è morto per complicanze legate alla malattia. Due di loro, ha reso noto ieri l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, “sono in condizioni di particolare fragilità”. I due pazienti hanno 28 e 30 anni e sono ricoverati da cinque giorni. La loro situazione è “costantemente monitorata – spiega il direttore dell’Unità operativa di Rianimazione del Garibaldi Sergio Pintaudi – e al momento sotto controllo”. I 15 pazienti sono ricoverati nei vari reparti di Malattie infettive e tutti in isolamento. Intanto due bambini, un neonato di 4 mesi e un piccolo di 5 anni, sono finiti entrambi in ospedale nel Pavese per complicanze da varicella. Il primo è tuttora ricoverato al Civile di Vigevano, ma le sue condizioni sono in costante miglioramento. Il più grande invece è stato ricoverato al Civile di Voghera ed è ora tornato a casa. Entrambi non erano vaccinati, per circostanze diverse. “Si tratta di due casi emblematici che mostrano l’importanza di vaccinare i bambini”, sottolinea Alberto Chiara dell’Asst di Pavia, responsabile del Dipartimento materno infantile. “Ne parlo – chiarisce – perché la varicella è una malattia infettiva molto contagiosa, purtroppo sottovalutata, che può avere delle complicanze anche importanti. Eppure la copertura vaccinale in Italia resta bassa, non superiamo il 50%”. Nel caso del neonato, riferisce il medico, i sintomi che hanno reso necessario il ricovero erano “sonnolenza e bassa reattività. Il suo caso è ancora più significativo – evidenzia – Normalmente, infatti, è raro avere la varicella a 4 mesi. Ma la sua mamma non aveva mai avuto la malattia e pur allattandolo al seno non poteva proteggerlo e il neonato non era ancora immunizzato, visto che la prima dose del vaccino si fa tra i 12 e i 15 mesi”. Il problema, evidenzia il primario, è che “quando c’è una bassa protezione nella popolazione il virus è libero di circolare. Il piccolo, per esempio, ha preso la varicella nello studio del pediatra da un gruppo di bambini infetti”. Il bimbo di 5 anni, invece, è stato seguito per “una paralisi del nervo facciale, perché – spiega Chiara – la varicella può dare complicazioni anche sul sistema nervoso centrale”. Non aveva fatto l’iniezione scudo e non rientrava nell’obbligo fissato dal decreto Lorenzin, che per la profilassi contro la varicella è previsto dai nati 2017 in poi. “Per fortuna, però, da questo anno di nascita in poi la vaccinazione anche contro questa malattia infettiva sarà obbligatoria”, conclude l’esperto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza