Ostia, tensione al corteo contro tutte le mafie: la Raggi contestata (video)

sabato 11 Novembre 18:40 - di

Oltre 1000 persone hanno sfilato per il corteo Eurostop in via dei Fori Imperiali, mescolate ai turisti. Circa 1000 , soprattutto venute da fuori Ostia, sono in corteo ad Ostia, riferisce una nota della Questura di Roma, su un percorso abbreviato per decisione dei promotori, mentre 500 sono i tifosi che hanno partecipato alla manifestazione commemorativa della morte di Gabriele Sandri. In particolare, quest’ultima manifestazione, si è svolta con grande compostezza di tutti i partecipanti e senza alcuna criticità. Poco meno di 1000 sono infine i partecipanti alla manifestazione commemorativa della rivoluzione russa. “Oggi non è giorno di polemiche, non è il momento di fare campagna elettorale”. Lo afferma Virginia Raggi che, dal corteo di Ostia, rispedisce al mittente la polemica fatta dal Pd sulla manifestazione di oggi e annuncia: “Parteciperò anche alla manifestazione di giovedì promossa da Libera e dalla Fnsi perché la mafia va combattuta ogni giorno”. La Raggi è stata accolta anche da saluti, strette di mano, richieste di selfie. Qualcuno le ha anche regalato una rosa rossa. Il corteo, che è stato promosso dal Laboratorio Civico X di Don Franco De Donno dopo l’aggressione di martedì scorso al giornalista della trasmissione Nemo Daniele Piervincenzi e al film maker Edoardo Anselmi, ha sfilato fino a piazza Gasparri, nel cuore di Nuova Ostia. Quanto alle polemiche, “il sindaco di Roma, Virginia Raggi, porta la responsabilità di aver compromesso con la sua condotta pasticciona e irresponsabilmente priva di ogni senso delle istituzioni la manifestazione di oggi ad Ostia contro la criminalità. Infatti, tale manifestazione poteva essere una grande occasione per dare una risposta pronta e larga a quanto accaduto e per dare fiducia ai cittadini di Ostia”, aveva detto infatti in mattinata il deputato del Pd, Roberto Morassut.

(Foto Nextquotidiano)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *