Catturati i 3 evasi dal carcere di Favignana: ora è caccia ai complici

giovedì 2 Novembre 10:46 - di

I carabinieri li stavano cercando dall’istante dopo la loro rocambolesca fuga, convinti che i 3 evasi non fossero riusciti ad abbandonare Favignana. E così era: è finita nella notte, infatti, la latitanza del terzetto di detenuti evasi lo scorso 28 ottobre del carcere dell’isola.

Catturati i 3 evasi dal carcere di Favignana

I Carabinieri del Comando provinciale di Trapani, guidati dal colonnello Stefano Russo, nel corso dei servizi di controllo del territorio per ricercare i tre uomini evasi dal carcere egadiano hanno individuato nella notte i fuggitivi, mentre cercavano di allontanarsi dall’isola di Favignana. Due, Adriano Avolese, condannato all’ergastolo e Giuseppe Scardino, fine pena 2032, sono stati immediatamente bloccati dai Carabinieri, mentre il terzo, Massimo Salvatore Mangione, fine pena 2037, era riuscito momentaneamente a sfuggire alla cattura, fino a quando, poco dopo, anche lui è stato rintracciato dai Carabinieri e dal personale della Polizia Penitenziaria giunti in ausilio ai Militari dell’Arma. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Trapani, guidata da Alfredo Morvillo.

Ora per gli inquirenti è caccia ai complici

Adesso per gli inquirenti scatta la seconda fase: quella della caccia ai complici dei tre evasi dal carcere di Favignana catturati dai Carabinieri del Comando provinciale di Trapani mentre tentavano di scappare dall’isola rubando una barca presso la spiaggia di Punta Longa. I militari in queste ore, una volta assicurati i detenuti alla giustizia – tutti e 3 sono appena stati riportati in carcere – stanno cercando chi ha aiutato gli evasi Adriano Avolese, ergastolano, Massimo Mangione e Giuseppe Scardino, coprendone la fuga e le eventuali tracce. “Siamo alla ricerca dei complici”, conferma infatti il Comandante del Reparto operativo dei Carabinieri, maggiore Antonio Merola. Una corsa condotta col fiato corto e che è terminato nello stesso punto da cui era partita…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *