Udine, laurea honoris causa a Ronald Busuttil: è il re dei trapianti di fegato

sabato 28 Ottobre 13:47 - di

«Per l’elevato impegno scientifico, l’attività di formazione di personale medico di elevata competenza e lo sviluppo delle tecniche di trapiantologia del fegato e del pancreas». L’Università di Udine ha conferito la laurea magistrale honoris causa in Medicina e Chirurgia a Ronald W. Busuttil, professore di chirurgia trapiantologica e direttore della Unità per i trapianti di fegato e pancreas alla Scuola di medicina della University of California Los Angeles-Ucla. Il chirurgo è senza dubbio lo studioso vivente più importante in materia di trapianto di fegato e vanta una casistica di 6000 trapianti.

La celebrazione

La cerimonia di proclamazione, affollatissima di pubblico, si è svolta nel Salone del Parlamento del Castello di Udine ed è stata aperta dai saluti del rettore dell’Università di Udine, Alberto De Toni, e da Silvio Brusaferro, direttore del dipartimento di Area medica (Dame) dell’Ateneo friulano, che ha ricordato come la proposta della laurea honoris causa al professor Busuttil avanzata dal professor Andrea Risaliti abbia da subito accolto un consenso unanime.

La laudatio del professor Andrea Risaliti

La laudatio intitolata “Ronald W. Busuttil: una pietra miliare nella storia del trapianto”, è stata svolta da Andrea Risaliti, direttore della Clinica chirurgica e del Centro trapianti fegato, rene e pancreas dell’Azienda sanitaria universitaria integrata di Udine, che ha tracciato un dettagliato ritratto di Busuttil quale antesignano dei trapianti di fegato. Con il supporto di numerose immagini, Risaliti ne ha ripercorso la vita e la carriera, sottolineando il fatto che fin da piccolo Busuttil sognava di diventare un chirurgo, come scrisse in un componimento quando non aveva ancora 10 anni. «Oggi – ha evidenziato Risaliti – è considerato lo studioso vivente più importante in materia di trapianti di fegato. Il prestigioso ruolo accademico di Busuttil è testimoniato dal fatto che è stato precettore di oltre una trentina di chirurghi e ricercatori statunitensi, nonché di numerosi ricercatori stranieri e ha contribuito a formare più di 300 chirurghi dei trapianti di fegato e pancreas, molti dei quali sono oggi esperti specialisti di riferimento sia in Europa che in Asia». E poi ancora: «Partecipa come Principal Investigator e Co-Investigator a numerosi progetti scientifici in campo internazionale accumulando più di 30 milioni di dollari come attività di fundraising». Bususttil, che fa parte del consiglio di redazione di 14 riviste internazionali, riveste un ruolo di eccellenza anche nella divulgazione scientifica. Le sue pubblicazioni comprendono 82 capitoli di libri, 350 articoli scientifici, 427 abstract e 210 relazioni congressuali. In letteratura esistono poi 30mila citazioni a suo nome.  Dopo la laudatio il rettore De Toni ha proclamato dottore honoris causa Busuttil. Il professore Busuttil, indossati toga e tocco, ha tenuto la lectio magistralis intitolata “50 anni di trapianto di fegato”, illustrando quello che è stato il passato, quello è il presente e quelle che sono le nuove frontiere e le nuove sfide nel campo della trapiantologia. Subito dopo sono stati premiati per il loro impegno altri quattro chirurghi che si occupano di trapianti. Premio anche per il Maestro e compositore Giuseppe Marcucci. A conclusione della cerimonia, il pianista Bepi Garcia ha suonato al pianoforte tre brani del Maestro Marcucci.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *