La copertina più cara al mondo? Quella di Asterix, venduta per 1,4 milioni

sabato 14 Ottobre 15:26 - di

Appartiene a un album della serie a fumetti di Asterix la copertina più cara del mondo. Si tratta dell’originale del disegno che compariva sul cartoncino di Le Tour de Gaule del 1963 (in italiano “Asterix ed il Giro di Gallia”) è stato venduto ad un’asta della casa Drouot di Parigi al prezzo record di 1,4 milioni di euro. L’acquirente, un collezionista privato che ha richiesto di restare anonimo, ha pagato sette volte la stima iniziale per aggiudicarsi questo disegno. Si tratta della copertina del quinto episodio della guerra degli “irriducibili” Galli contro i Romani, realizzata dal disegnatore Albert Uderzo, 90 anni, e co-firmata dallo sceneggiatore Rene Goscinny (scomparso nel 1977). L’illustrazione, che reca la doppia firma Uderzo-Goscinny, raffigura Asterix e Obelix su un carro equestro sullo sfondo di una cartina della Francia. 

Il nuovo record per un’illustrazione del popolare fumetto arriva alla vigilia dell’uscita in Francia per l’uscita giovedì 19 ottobre di “Astérix et la Transitalique”, trentasettesimo volume delle avventure a fumetti dei Galli inventati da Uderzo e Goscinny. Nelle librerie francesi l’editore Albert-René del gruppo Hachette distribuirà una prima tiratura di un milione e mezzo di copie. In contemporanea il nuovo album uscirà sempre il 19 ottobre in altri 24 Paesi del mondo per una tiratura complessiva di 4 milioni di esemplari. In Italia arriverà la settimana successiva, il 26 ottobre, con il titolo “Asterix e la corsa d’Italia” pubblicato dall’editore Panini Comics, che detiene i diritti italiani della serie dopo averli ‘strappati’ a Mondadori. Dopo “Asterix e i Pitti” e “Il papiro di Cesare”, i titoli più recenti del fumetto, Asterix e Obelix ritornano in un nuovo volume firmato ancora una volta da Jean-Yves Ferri e Didier Conrad, eredi della mitica coppia Uderzo-Goscinny.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *