Clandestini in sciopero della fame a Lampedusa: “L’Italia viola la legge”

31 Ott 2017 18:32 - di Redazione
mns

“Ci appelliamo alle persone libere che difendono l’esistenza di un altro mondo dove prevalgano i valori universali e la solidarietà, affinché ci sostengano. Perché mentre il vostro denaro e le vostre merci circolano liberamente nei nostri paesi d’origine, voi state imprigionando i nostri sogni dietro le vostre mura”. Inizia così l’appello di 200 tunisini ospiti nell’Hotspotdi Lampedusa e in sciopero della fame da alcuni giorni. Protestano per la detenzione arbitraria, le espulsioni di massa, la negazione del  diritto d’asilo e le condizioni in cui sono costretti a vivere, spazi angusti, cibo scadente. “Si rifiutano di mangiare finché non verranno garantiti i loro diritti”, denuncia l’Arci di Lampedusa. “Nel silenzio doloso delle istituzioni – denuncia l’Associazione –  l’Italia sta violando la normativa nazionale e internazionale. Solo  grazie alla denuncia dei nostri partner tunisini della Ftdes siamo  riusciti a parlare con i migranti trattenuti e in sciopero della fame”.

E’ intanto salito a 5.889 il numero dei migranti sbarcati in Italia dal primo ottobre, in netto calo rispetto ai numeri dello stesso periodo dello scorso anno. Almeno 4.500 di loro sono tunisini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA