Austria, in testa il partito di Kurz. Nei seggi c’è chi grida: Heil Hitler!

domenica 15 ottobre 18:40 - di Redazione

Com’era ampiamente previsto, le prime proiezioni sul voto austriaco vedono in testa, con il 30,1%, i popolari del trentunenne Kurz e registrano un forte avanzamento della destra radicale del Fpoe (26,8%), che si contende il secondo posto con i socialdemocratici (27%). 

Non sono mancati nei seggi scene curiose e anche allarmanti: secondo quanto riporta il Messaggero un vecchio in un seggio ha svuotato una tanica di benzina e ha minacciato di appiccare un incendio. Il seggio elettorale si trova a Hartberg, nella regione austriaca della Stiria: l’uomo è un 77enne in stato confusionale che è stato bloccato  dagli altri elettori, che lo hanno consegnato alla polizia. L’uomo, che è stato dichiarato incapace di intendere e di volere dai medici, avrebbe giustificato il gesto con il malcontento nei confronti della politica. 

A Vienna, inoltre, durante il voto di Heinz Christian Strache, ha invece creato subbuglio nel seggio un’altra persona confusa, che ha accolto il leader della Fpoe con il saluto «Heil Hitler». L’uomo è stato subito allontanato dalla polizia.

Heinz-Christian Strache ha assunto la guida del Fpoe nel 2005.. Noto per essere stato legato in gioventù a figure dell’estrema destra, nel 2004 ha  sfidato al tradizionale duello studentesco con la spada un uomo che lo aveva criticato in una riunione del partito. Ma negli ultimi anni ha cercato di ingentilire la propria immagine, ha moderato i toni e ha posto un freno alle posizioni più estremiste.  

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Nico 22 aprile 2018

    Per quanto riguarda I clandestini, sono d’accordo con gli Austriaci, gli Ungheresi, I Polacchi, I Croati, gli sloveni etc.!!!!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica