28 ottobre: la Marcia su Roma e quelle verità che in tanti fingono di non sapere

28 Ott 2017 12:45 - di Mario Aldo Stilton

È ancora 28 ottobre. E, per chi se ne ricorda – tra ozio da fine settimana e lancette da regolare sull’ora solare di ritorno- è ancora conflitto, contrapposizione. Come per tutte le date della Storia assurte a simbolo. Legna da dibattito e brace per il confronto politico. Soprattutto quando si avverte la necessità di distrarre la pubblica opinione dai suoi problemi: sono ben 95 anni che il 28 ottobre non è solo una data d’autunno. In primis una sorta di manifestazione/scampagnata, geniale intuizione politica che Mussolini utilizzò come strumento di pressione per ottenere, democraticamente, la guida del suo primo Governo. Poi, la celebrazione annuale come momento unificante e collettivo da parte del Regime. Infine, la dannazione perpetua decretata dalla democrazia. Tutto secondo il copione del tempo. Noi non siamo mai stati propensi a fare davvero i conti, anzi. Abbiamo sempre cercato di sminuire responsabilità personali e generali: l’indole di chi nell’indulgenza vede la parte più significativa della propria cultura. Vale per l’intera nostra Storia. E vale quindi per questa giornata, simbolo di cattiva coscienza. Una data che è stata inzuppata di tali e tante bugie, di tali e tante falsità da farne un caleidoscopio dell’Italianità . Tutti sanno tutto sul 28 ottobre. E, così, in realtà non sanno nulla. Non sanno che non cominciò affatto la “dittatura fascista” quel giorno del 1922; non sanno che non ci fu alcuna reale rivolta armata, ma solo una ben organizzata manifestazione politica nazionale; non sanno che il governo di coalizione che nacque con Mussolini presidente del Consiglio era composto da tre soli ministri del suo partito e che tutti gli altri erano, popolari, socialdemocratici e nazionalisti; non sanno neppure che, due anno dopo, alle elezioni politiche del 6 aprile 1924, la Lista Nazionale di Mussolini ottenne oltre il 60 per cento dei voti. Non sanno questo né tanto altro ancora. Anche se in molti credono di sapere, credono di aver letto e persino di aver capito. Ecco, magari non oggi che siamo già in clima di campagna elettorale, ma tra cinque anni si. Per quel centenario sarebbe proprio il caso di stoppare le balle e dare spazio alla verità. Di quel 28 ottobre e della nostra Storia.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA