“L’ho uccisa così”: il racconto del fratello omicida. Il video dell’arresto

giovedì 17 Agosto 14:59 - di

Emergono i macabri particolari dell’uccisione di Nicoletta Diotallevi, la donna assassinata dal fratello Maurizio e poi fatta a pezzi nella loro casa di via Guido Reni lo scorso 14 agosto. E’ stato lo stesso omicida, reo confesso, a spiegare come ha fatto. Altri particolari sono emersi dall’autopsia. Nicoletta è stata prima strangolata con una cintura e poi fatta a pezzi con un sega. I resti dispersi in due cassonetti a Roma. Il fratello per costruirsi un alibi aveva fatto una denuncia per scomparsa il girono stesso dell’omicidio. 

“Erano due mesi che stavo pensando di ucciderla – ha detto Maurizio Diotellevi agli inquirenti, crollando dopo dieci ore di interrogatorio – ma il mio è stato un raptus, mi umiliava in continuazione”.  L’appartamento in cui la donna viveva con il fratello, è stato sequestrato quando l’uomo è stato rintracciato dalla polizia per non inquinare le prove.

Spesso, stando a quanto ricostruito dagli investigatori, i due avevano liti per questioni economiche: a lavorare era solo la sorella e Maurizio le faceva spesso richieste di denaro. L’ennesima discussione il giorno prima di Ferragosto sarebbe stata la causa del delitto. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *