Il comunismo ha fatto milioni di morti. Perché non c’è il reato di apologia?

lunedì 10 luglio 13:23 - di Giovanni Trotta

“#DdlAntifascismo @matteorenzi Perché non introdurre in legge Fiano anche apologia comunismo? Storia va letta a 360gradi, non in unica direzione”. Lo scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. Insomma, Brunetta ha centrato il vero problema della legge che la maggioranza sta furiosamente cercando di approvare. Sulla vicenda interviene anche Fratelli d’Italia: “È strabiliante notare come proprio alla vigilia della pubblicazione del libro di Renzi L’Italia va avanti, il Pd alzi la canizza su una pericolosissima minaccia che si aggira per l’Europa. No, non è il terrorismo islamico, non è l’immigrazione. È il fascismo”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, a proposito della legge a prima firma Fiano che inserisce nel codice il reato di propaganda fascista. “Questo è il modo del Pd di guardare avanti per il futuro dell’Italia, introdurre nel nostro ordinamento i reati d’opinione, anzi, un unico reato d’opinione perché si potrà impunemente inneggiare a Stalin e a Osama Bin Laden. La verità è che taluni personaggi del Pd restano profondamente illiberali, faziosi e comunisti dentro”, ha aggiunto il parlamentare di Fdi. “Invece di pensare ai drammi del Paese, vogliono introdurre una norma anacronistica, inutile e senza senso, vogliono cancellare la storia, una cose folle, da matti”, dice da parte sua Alessandra Mussolini, parlando della legge Fiano, sul reato di apologia del fascismo, oggi in discussione alla Camera. Per l’eurodeputata di Forza Italia “Fiano, che è uomo di Renzi, dimostra la pochezza culturale e politica di questa classe dirigente”. “Ma che senso ha una legge così – si domanda la Mussolini -. Io sarei allora un reato vivente” e arriveremo al punto che “un pelato con mascella volitiva si dovrà autodenunciare”. “Io – ricorda Mussolini – a casa ho di tutto, busti e fasci, perché fanno parte della mia storia, di quella della mia famiglia, che faccio mi autodenuncio?”. “Quando ho saputo che volevano fare questa cosa – conclude l’europarlamentare azzurra – non ci volevo credere”. “Mentre siamo invasi dagli extracomunitari e chiudono gli esercizi commerciali si preoccupano di una cosa senza senso per attirare un elettorato che neanche c’è più”. Il fatto che i posacenere con l’effigie del Duce o il vino nero siano la priorità del governo italiano, la dice lunga sulla qualità dell’esecutivo stesso: oltre ai problemi citati da Rampelli, il terrorismo islamico e l’invasione di clandestini, c’è la disoccupazione, la pressione fiscale, il deficit dello Stato, le carenze dell’Unione europea, l’economia disastrata, la giustizia, la burocrazia e potremmo non fermarci mai: questi sono i problemi che un governo serio dovrebbe affrontare, altro che le spiagge “fasciste” e i gadget di Mussolini. E poi la critica di Brunetta è centrale: dati alla mano, il comunismo ha certo fatto molte più vittime del fascismo e del nazismo, perché non è fuorilegge, perché non c’è una legge Scelba anche per i comunisti? È uno dei tanti misteri iitaliani, ma la cosa certa è che se in Italia c’è una rivalutazione del fascismo, non è tanto per il fascismo stesso, quanto per l’inettitudine dei governi post e antifascisti che si sono succeduti, che non hanno mai saputo dare – e mai come ora – una risposta ai problemi degli italiani. Tra pochi anni le nostre figlie dovranno portare il velo, ma almeno non vedremo più i portachiavi con la faccia di Mussolini…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Michele Romeo di Tuosto 22 novembre 2019

    Che cavolo c’entra? Il reato di apologia del fascismo si riferisce ad UN fascismo storicamente determinato, quello italiano mentre il comunismo ha centinaia di incarnazioni in tutti i paesi del mondo. Quello russo, anche se ha notevolmente contribuito proprio a sconfiggere il nazifascismo e la persecuzione degli ebrei distruggendo Auschwitz, è un comunismo forse malvagio ma il Comunismo Italiano, quello di Gramsci e Berlinguer, quello di fronte a cui dovete solo togliervi il cappello e sciacquarvi la bocca prima anche solo di parlarne, il Comunismo Italiano è quello che ha combattuto la persecuzione degli ebrei, quello che con la lotta partigiana ha annientato i nazifascisti e, con l’aiuto di tutti gli uomini liberi, li ha cacciati dall’Italia!

    • Francesco Storace 22 novembre 2019

      E’ bello che ci scrivano i comici

  • Veronico 6 aprile 2019

    la semplice risposta è che in Italia non c’è mai stato un regime comunista come fa uno ad attuare un’apologia del comunismo anche perchè la storia della repubblica italiana l’hanno scritta i partigiani i quali avevano orientamenti vicino alla sinistra.

  • Cesare Zaccaria 25 marzo 2019

    Oggi nel mondo non c’è paese più comunista del nostro, quanto a libertà di stampa e di opinione siamo messi assai male. Quasi quaranta miei articoli di stampa sono stati censurati.

  • Luigi 22 marzo 2019

    Perche i delitti comunisti sono ammessi dalla Costituzione

  • Benito 1 febbraio 2018

    il comunismo è la m**** pura, dai partigiani in poi la dittatura comunista ha fatto milioni di morti orrendamente trucidati, donne e persino bambine violentate in gruppo e uccise barbaramente da quei vigliacchi dei partigiani senza possibilità di avere un processo, giustizia sommaria e via.. il comunismo “normale” invece non ha fatto proprio nulla di buono, anzi, come possiamo vedere in questi brutti anni, si sono schierati contro gli italiani a favore di altre razze unicamente per percepire contributi europei, leccare il c*** alla germania dalla quale non hanno le p**** di dissociarsi, incentivato banche, società fintamente umanitarie, distrutto sanità, distrutto aziende, ucciso imprenditori, aumentato la disoccupazione, aumentato i disservizi, reso le città meno sicure, punito e condannato chi osava difendere la propria casa e i propri cari, peggiorato la scuola, abbassandone la qualità, reso un po tutti i lavori precari e insicuri, lasciato morire di fame gli anziani o le persone in difficolatà, dando contemporaneamente ogni cosa gratuitamente oltre che uno stipendio senza nemmeno cercare un lavoro a qualunque straniero.
    infine non riesco a concepire come possa esistere un associazione di partigiani assassini codardi libera in italia, e che le venga persino data voce in diversi casi, dopo gli stermini di milioni di persone innocenti e inermi senza nemmeno uno straccio di processo… W il Duce creatore dell’impero italiano

  • giorgio 14 gennaio 2018

    Il comunismo e il marxismo sono alla radice satanismo puro: non solo il numero delle vittime ce lo dice, ma anche i metodi e le torture usate verso gente fedele! Lì c’era satana,lenin,stalin,mao….secondariamente per importanza, anche nel nazismo!

  • In evidenza