L’attore Diele ai domiciliari? Per Gasparri favoritismo sconcertante

martedì 27 giugno 11:49 - di Redazione

“Trovo sconcertante il favoritismo che si starebbe riservando a Domenico Diele, l’attore che giorni fa ha investito e ucciso una donna perché sotto gli effetti della cannabis. Non c’è solo il reato di omicidio stradale, ma anche la doppia aggravante dell’uso di stupefacenti e la guida senza patente, ritirata proprio per l’abuso di droghe”. Maurizio Gasparri commenta in modo diretto e determinato la vicenda dell’attore Domenico Diele in una dichiarazione su Libero.it. “Diele – riprende il senatore di Forza Italia – potrebbe tornare a casa in attesa del processo e potrebbe addirittura condurre la sua vita regolarmente senza neanche la restrizione del braccialetto elettronico perché indisponibile al momento. Una vergogna assoluta e una mancanza di rispetto per la vittima intollerabile. Basta con questi cattivi esempi che invece di essere condannati vengono tollerati se non protetti con la complicità di troppi”.

E ancora, aggiunge: “Diele è un giovane attore che si stava costruendo una carriera professionale su basi sbagliate. È un tossicodipendente e questo va detto con chiarezza. Le misure nei suoi confronti devono essere a maggior ragione esemplari proprio per la notorietà cui è giunto. La sua vicenda è anzi emblematica di quanto l’uso di droghe possa avere effetti irreparabili per la propria vita e per quella degli altri – ha aggiunto -. Ci riflettano soprattutto i magistrati che dovranno giudicare il caso e procuratori come Roberti che ancora blaterano di legalizzazione della cannabis. Gente che dice tali fesserie andrebbe allontanata per danni sociali e denunciata per istigazione all’uso di stupefacenti.Diele non vuole stare in carcere? Dia lui il buon esempio andando agli arresti domiciliari in una comunità per uscire dalla dipendenza da droghe”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica