Gli Usa ancora una volta difendono l’Isis: bombe sull’esercito siriano

mercoledì 7 giugno 16:12 - di Redazione

La coalizione anti-Isis a guida Usa ha colpito in Siria le forze regolari di Bashar al-Assad con un raid effettuato ieri sera nei pressi di al-Tanaf, nella provincia di Homs, poco distante dal confine tra Iraq e Giordania. La coalizione ha colpito un gruppo di “oltre 60 soldati”, con “un carro armato” e “artiglieria”, che rappresentavano una “minaccia” per le forze della coalizione, come si legge in una nota della coalizione in cui si afferma che “forze pro-regime erano entrate nella zona di de-confliction”. All’indomani dell’operazione, una fonte militare citata dall’agenzia di stampa ufficiale siriana Sana afferma che “il Comando generale dell’esercito e delle forze armate mette in guardia dai rischi di questa escalation e dalle sue ripercussioni e invita la cosiddetta coalizione internazionale a porre fine a questi atti ostili”. Secondo la fonte, l’operazione della coalizione anti-Isis – considerata una “aggressione” – conferma “ancora una volta il sostegno della coalizione al terrorismo in un momento in cui l’esercito siriano e i suoi alleati registrano progressi quotidiani nella battaglia contro i terroristi dell’Isis”. La Sana precisa che l’operazione “è costata la vita a diverse persone” oltre ad aver provocato “danni materiali”. La fonte ribadisce la “determinazione dell’esercito siriano e dei suoi alleati nel proseguimento della battaglia contro le organizzazioni terroristiche, prime tra tutte l’Isis e Jabhat al-Nusra”. La stessa Sana ricorda che il 18 maggio scorso la coalizione anti-Isis a guida Usa aveva già colpito una postazione delle forze siriane nella zona di al-Tanaf e accusa la coalizione di aver “fallito nel bloccare la diffusione dell’Isis” e di aver “commesso decine di massacri nelle province di Hasaka, Raqqa e Dayr Ez-Zor, uccidendo centinaia di civili siriani”. La zona di al-Tanaf viene utilizzata per l’addestramento delle forze siriane impegnate nella battaglia contro l’Isis. La coalizione ha stabilito – arbitrariamente – una fascia di sicurezza o zona di de-confliction all’interno della quale qualsiasi intrusione è considerata come una minaccia, ma l’ingresso dell’esercito regolare di una nazionae sovrana sul suo territorio non può certo essere considerata un’intrusione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica