Sicilia, spese pazze all’Ars: ex capogruppo Pd dovrà risarcire 72mila euro

venerdì 26 maggio 19:46 - di Redazione

La sezione giurisdizionale d’appello della Corte dei Conti per la Regione siciliana ha parzialmente accolto il ricorso presentato dall’ex capogruppo democratico all’Assemblea regionale siciliana e oggi assessore regionale all’Agricoltura,  Antonello Cracolici, contro la sentenza di primo grado sulle  cosiddette spese pazze dei gruppi parlamentari a Palazzo dei Normanni. Il democratico è stato condannato a pagare all’Ars 72.771 euro. In  primo grado era stato condannato a risarcire 286.263 euro. La vicenda  giudiziaria è legata al procedimento sulla «illegittima utilizzazione, per finalità non istituzionali, di parte dei contributi pubblici» erogati al gruppo parlamentare del Partito democratico all’Ars, di cui Cracolici è stato presidente dal 25 maggio 2008 al 20 dicembre 2012.

La sentenza è stata emessa dal presidente Giovanni Coppola, relatore  il consigliere Tommaso Brancato. Le somme addebitate riguardano spese  per consumazioni presso la buvette dell’Ars per 40.644,83 euro; spese  legali per 22.500 euro; spese per acquisto di beni e servizi per  29.271,21 euro; spese per conto dei singoli deputati per 123 euro;  spesa per la cena del 19 ottobre 2010 presso Villa Alliata, a Palermo, per 4.700 euro; spese per contributi al Partito democratico per 6.720 euro. Il totale del danno è stato ulteriormente decurtato del 30 per  cento, alla luce della circostanza che una parte del danno è stata  ritenuta «imputabile agli altri deputati componenti del gruppo», per  la loro partecipazione all’approvazione sia dell’annuale bilancio  preventivo di erogazione dei fondi, che del conseguente rendiconto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica