G7, per l’Italia 20 giorni da Ungheria. Meloni: “I potenti messi al sicuro…”

lunedì 15 Maggio 19:49 - di

“Sbarchi vietati in Sicilia in occasione del G7 per motivi di sicurezza. Ma come, non ci avevano detto che non c’era alcun problema di sicurezza e terrorismo legato all’immigrazione di massa? Oppure i potenti della terra vanno messi al sicuro mentre i cittadini comuni possono rischiare?”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Stessa opinione dalla Lega Nord: “In vista del G7, in programma a Taormina il 26 e 27 maggio, l’Italia da martedì 10 maggio ha sospeso la libera circolazione prevista dal trattato di Schengen fino al 30 maggio, reintroducendo i controlli alle frontiere terrestri, marittime e aeree, con quasi 10 mila uomini delle forze armate impegnati per questo, per garantire lo svolgimento regolare e ordinato dei vertici del G7 e assicurare, come scritto nella direttiva inviata ai Prefetti, un elevato standard di controllo attraverso una meticolosa attività di pattugliamento congiunto nelle aree di frontiera, con mirati e rigorosi controlli, per evitare l’ingresso di soggetti che potrebbero rivelarsi pericolosi”, afferma da parte sua Roberto Calderoli. “Per questi venti giorni, dunque – aggiunge – l’Italia si comporta come l’Austria, come l’Ungheria e come altri Paesi comunitari che controllano le loro frontiere per evitare l’ingresso dei clandestini e per ragioni di sicurezza. Pertanto anche noi, se lo vogliamo, quando lo vogliamo, possiamo chiudere e controllare i nostri confini ed evitare ingressi indesiderati sul nostro territorio ovvero quello che la Lega Nord chiede da anni, inascoltata”. “Ci rispondevano – prosegue il senatore del Carroccio – che non si poteva fare. E invece adesso scopriamo che si può fare, che lo si fa per tre settimane, ma solo per il tempo necessario per avere la tranquillità per poter baciare la pantofola a sette potenti del mondo, illudendoci di essere ancora tra quei sette… La chiusura dei porti e i controlli alle frontiere -conlude- devono essere ripristinati sine die e questa misura va riconsiderata solo dopo aver neutralizzato e fatto cessare l’invasione di immigrati africani che sta subendo il territorio italiano e il popolo italiano”. “Stiamo cercando tutti i modi per bloccare l’invasione clandestina con le buone e non”. Così Matteo Salvini, all’indomani della vittoria alle primarie interne al Carroccio. “Apprendo che per il G7 si bloccano gli sbarchi e si riprende il controllo delle frontiere. Ci prendono per il naso. Allora è possibile. Sia sempre G7” afferma Salvini che aggiunge:  “Stiamo valutando ogni azione anche materiale per bloccare fisicamente gli sbarchi. La Lega forte che esce dalle primarie di ieri oggi lo può fare”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *