Napoli violenta: tre omicidi di Camorra in un giorno

sabato 27 Maggio 18:52 - di

Sono un 45enne, e un 23enne, zio e nipote, i due uomini uccisi in via Vincenzo Valente, nel quartiere Miano a Napoli. I due, già noti alle forze dell’ordine, sono considerati dagli investigatori vicini al clan camorristico dei Lo Russo. Intorno alle 15.15, mentre erano a bordo di uno scooter, i due sono stati raggiunti da circa 20 colpi d’arma da fuoco esplosi con una semiautomatica. Le vittime si chiamavano entrambi Carlo Nappello. Si tratterebbe – secondo le prime indicazioni – di due persone legate all’ omonimo gruppo criminale, vicino al clan Lorusso. Zio e nipote viaggiavano a bordo di un “Honda Sh”, quando contro di loro sono stati esplosi dalla raffica di colpi.

All’alba a Napoli ucciso un pregiudicato 29enne

All’alba c’era stato un altro agguato mortale. L’omicidio è avvenuto in un pub di via Riviera di Chiaia a Napoli, dove ha fatto irruzione un uomo con il viso nascosto da un passamontagna. L’aggressore è entrato nel locale e ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco contro Carmine Picale, 29 anni, già noto alle forze dell’ordine, ferendolo gravemente. L’uomo, di San Giorgio a Cremano (Napoli), è stato accompagnato da alcuni amici nell’ospedale Loreto Mare della città, dove è deceduto. 

A Napoli è guerra di Camorra: 6 morti in 48 ore

Secondo il drammatico bilancio del quotidiano napoletano Il Mattino, nel capoluogo campano si sono registrati 6 morti in 48 ore. Bisogna tornare alla Napoli di Cutolo degli anni ’80 per un bagno di sangue di tali proporzioni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *