Meloni: «Io sto con la Le Pen, è l’unica che combatte inciuci e ammucchiate»

lunedì 24 Aprile 10:18 - di

Il primo dato delle elezioni francesi è evidente; «È stato bocciano l’establishment». Lo scrive Giorgia Meloni nella sua pagina Facebook. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, socialisti e popolari sono alle corde, bastonati dagli elettori. E non è certo un caso: «Al ballottaggio due proposte di cambiamento, bocciati Ppe e Pse, anche se fanno finta di festeggiare». Il trappolone è dietro l’angolo: «In Francia – incalza Giorgia Meloni – a due ore dalla chiusura dei seggi era già stato annunciato l’inciucione a sostegno di Macron. Contro le grandi ammucchiate stile Ppe-Pse, io sto con la Le Pen. Con il popolo, contro l’establishment. Forza Marine».

«Inciucione attorno a Macron»

«Le questioni cosiddette populiste non sono più un tavù – dice poi la Meloni in un’intervista al Giornale – ma sono al centro del dibattito politico. I populisti dettano l’agenda perché i loro contenuti sono quelli sentiti dalla gente. Attorno a Macron si sta delineando un inciucione che ne comprometterà il tentativo di rompere gli schemi. Tajani è un appassionato della materia. Ma Le Pen riesce a parlare anche a un vasto elettorato di sinistra. Non dimentichiamo che la globalizzazione e l’immigrazione incontrollata colpisce soprattutto le fasce più deboli».

«Paradossale l’atteggiamento di Renzi»

Reazioni in Italia? «L’elemento più paradossale – sottolinea Giorgia Meloni – è Renzi che festeggia come se lui fosse Macron, mentre non ha capito che lui è Hollande». Quanto al sistema elettorale, Meloni ribadisce, di fronte alla frammentazione francese, la necessità del premio alla coalizione: «Sì, è necessario semplificare il quadro. Ma per andare in coalizione questo voto ci dice che serve un accordo chiaro sui programmi con attenzione massima a ciò che chiede il nostro popolo. Bisogna avere l’umiltà di ascoltare la gente», spiega Meloni.

Salvini: stop a chi è alle dipendenze di Bruxelles

«Finalmente. Socialisti e popolari sono fuori dal ballottaggio. Sarebbe come se in Italia fossero fuori Renzi e Berlusconi». Lo dice Matteo Salvini che, in un’intervista al Corriere della sera sulle elezioni francesi sostiene che Macron è il finto nuovo: «E del resto – aggiunge – una cosa del genere può accadere anche in Italia visto i nomi che abbiamo visto e continuiamo a vedere: una volta bruciato Renzi, sento parlare di Calenda, Padoan, Gentiloni. È sempre la stessa minestra che non digerisce più nessuno. Il punto non è più destra o sinistra, ma l’essere alle dipendenze di Bruxelles o non esserlo». Per il leader della Lega « i sostenitori di Mélenchon potrebbero votare la Le Pen. E così faranno tutte le persone vittime dell’austerità e della globalizzazione. Non credo che voteranno per un burattino elegante che va con la cravatta anche in spiaggia. Non voteranno qualcuno di telecomandato dai maledetti di Bruxelles».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *