Massa, Mina Welby e Marco Cappato indagati per istigazione al suicidio

mercoledì 19 Aprile 18:38 - di

Mina Welby, vedova di Piergiorgio Welby, e Marco Cappato, rispettivamente co-presidente e tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Massa per il reato di istigazione o aiuto al suicidio, in relazione alla morte di Davide Trentini, morto per suicidio assistito in Svizzera e rischiano una condanna fino a 12 anni di carcere.

L’iscrizione nel registro degli indagati è stata resa nota dal procuratore capo di Massa, Aldo Giubilaro: «Siamo obbligati a trattare la morte di Davide Trentini come un affare di giustizia – ha spiegato Giubilaro – Nessuna valutazione religiosa, politica o morale. Nessuna opera innovativa. Abbiamo aperto un fascicolo e procederemo, come vuole la legge, secondo l’articolo 580 del codice penale».

Il magistrato ha spiegato che l’iscrizione è avvenuta a seguito dell’autodenuncia presentata da Welby e Cappato. Davide Trentini, 53 anni, malato di sclerosi multipla, è morto il 13 aprile in Svizzera dove era stato accompagnato da Mina Welby per ottenere il suicidio assistito.

Prima di lui era toccato a Fabiano AntonianiDj Fabo, accompagnato da Marco Cappato a morire in Svizzera, nella clinica dell’eutaniasia. Anche in quel caso, una volta tornato in Italia, Cappato si era autodenunciato, in quel caso alla Procura di Milano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *