Rigopiano, fu un’altra telefonata a ritardare i soccorsi. “All’hotel è tutto a posto”

giovedì 2 febbraio 18:12 - di Redazione

Si è molto parlato dei ritardi nei soccorsi all’hotel Rigopiano dopo la valanga che aveva sommerso la struttura lo scorso 18 gennaio.

L’allarme al 118 viene dato da Quintino Marcella – titolare di un ristorante a Silvi dove lavora come cuoco Giampiero Parete, uno dei superstiti –  alle 17.08. Come sappiamo, non viene dato molto credito alla sua richiesta di aiuto. Una funzionaria delle prefettura parlò di “bufala” e finora è stata proprio lei ad essere indicata come una delle responsabili dei ritardi. 

La telefonata tra la prefettura e il direttore dell’hotel 

Ma ora viene resa nota un’altra conversazione, delle 17.40, quella tra la prefettura di Pescara e il direttore dell’albergo Bruno Di Tommaso, che si trovava altrove e non poteva sapere della valanga, e che assicura che all’hotel è “tutto a posto” mentre la slavina ha già provocato la catastrofe.  Una risposta che ha anch’essa contribuito a rallentare l’arrivo dei soccorritori.

“E’ tutto a posto”

Di Tommaso parla con il dottor Lupi che vuole verificare l’allarme lanciato da Quintino Marcella e racconta della telefonata in cui si chiede soccorso. A quel punto Di Tommaso replica: “Ma no… chi l’ha fatta?”.  Lupi ridsponde: «…attenzione, questa telefonata registrata al nostro sistema 118… non risponde poi più.. a noi il numero ci appare sempre benché ci si metta trucco, trucchetto, `anonimo´ eccetera… Tu hai notizia?» Di Tommaso: «Ma certo che ho notizia, no no..» Lupi: «quindi tutto a posto…». Di Tommaso: «cioè tutto a posto nel senso che…». Lupi: «Benissimo, mi fa grande piacere. Tra poco a metà febbraio sarò di nuovo vostro ospite. Che devo dire? L’importante è che è sicuro che non ci sia niente». Un’incredibile catena di fraintendimenti sui quali indaga per disastro colposo la Procura di Pescara. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza