Siria, l’Isis viola la tregua: autobomba contro lo stadio di Latakia: 14 morti

5 Gen 2017 16:07 - di

Non si fermano i terroristi islamici in Siria: è di tre morti e 16 feriti il bilancio dell’esplosione di un’autobomba nella città di Jableh, nella provincia di Latakia, nella Siria nord-occidentale. Lo ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale Sana, citando il capo della polizia di Latakia, Yasser al-Shariti. L’esplosione è avvenuta nei pressi dello stadio della città che è sotto il controllo del legittimo governo siriano, oggetti da cinque anni di un tentativo di golpe armato. Secondo gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, un gruppo vicino all’opposizione con sede in Gran Bretagna, i morti dell’attentato sarebbero in realtà almeno 14. 

In Siria si coimbatte anche nella provincia di Damasco

Intanto scontri tra le forze fedeli al regime siriano, sostenute dai miliziani di Hezbollah, e i ribelli si sono registrati a Wadi Barada, località situata nel Rif di Damasco ritenuta strategica perché vi si trova la sorgente di al-Fejia che approvvigiona la capitale. Lo hanno reso noto gli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani. Secondo gli attivisti, le forze governative hanno tentato di riprendere parti del distretto lanciando “decine di raid aerei” accompagnati dal fuoco dell’artiglieria. Per il regime Wadi Barada è controllata dal gruppo qaedista Fateh al-Sham, noto in precedenza con il nome di Fronte al-Nusra, che Mosca e Damasco hanno escluso, al pari dello Stato islamico, dal cessate il fuoco entrato in vigore in tutto il Paese nei giorni scorsi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA