Marek Hamsik inforna una pizza per i giovani detenuti di Nisida (video)

5 Gen 2017 15:20 - di Robert Perdicchi

Cori da stadio, incoraggiamenti al calciatore e una richiesta al loro idolo: «Non togliere mai questa maglia!». E Marek Hamsik li ha rassicurati. Il calciatore del Napoli è stato in visita al carcere minorile di Nisida con il ministro della Giustizia Andrea Orlando, ma anche con il compagno di squadra Dries Mertens e il nuovo acquisto Leonardo Pavoletti. I calciatori hanno risposto alle domande dei giovani detenuti, che hanno messo in difficoltà i campioni su alcuni argomenti come il motivo della scelta del numero 32 per Pavoletti e se Mertens rinnoverà il contratto, oltre al discusso rapporto che il belga ha con il collega napoletano Insigne. Il ministro ha ringraziato i calciatori per la partecipazione all’evento “perché il carcere deve manette il contatto con la società – ha affermato Orlando – sennò il lavoro fatto qui dentro non porta risultati”. E allora, pronti via al nuovo arrivato Pavoletti: «Ti devi prendere la nove», gli ha urlato Salvatore. «Ti spetta». E lui: «Non è mai stato il mio numero preferito anche se sono un centravanti. L’anno prossimo, magari, vediamo come va». Ovazione per Marek Hamsik, che s’è dovtito a infornare una pizza per i ragazzi.

Un carcere in mezzo al mare

L’isola di Nisida era proprietà del duca di Amalfi e si è trasformata, nel corso degli anni, da lazzaretto fino a diventare casa di rieducazione negli anni Trenta. ll’interno della cinta muraria, la struttura è suddivisa in diverse palazzine: la prima, adiacente alla cinta muraria, è occupata dagli uffici della direzione e del personale amministrativo. Due palazzine sono destinate all’accoglienza dei ragazzi, divisi per sesso. Un’altra area, dove si trova la biblioteca, è dedicata alle attività didattiche. Vi è, poi, il teatro, voluto da Edoardo De Filippo e diversi spazi dedicati ai laboratori di formazione professionale. Gli agenti di polizia penitenziaria sono in totale 70 unità, rispettivamente 54 unità di Polizia Penitenziaria Maschile e 16 unità di Polizia Penitenziaria Femminile. Sono tenuti a frequentare corsi di specializzazione modulari e vestono abiti civili. Gli educatori sono 8, di cui 3 in formazione più un capo area. Una struttura modello, se non fosse per il valore ambientale del sito stesso.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA