Ferrara, coppia di ristoratori trovata morta con un sacchetto sulla testa

10 Gen 2017 18:59 - di Robert Perdicchi

Li hanno trovati vicino, uno accanto all’altro, marito e moglie, morti e con la testa coperta da sacchetti di plastica. I corpi esanimi di due ristoratori sono stati rinvenuti in casa dal figlio di sedici anni e la pista principale è quella dell’omicidio commesso al termine di una rapina, ma non si escludono altre, clamorose scoperte. Il duplice omicidio è stato commesso a Pontemaodino (Ferrara): lì, intorno all’ora di pranzo, sono stati trovati i cadaveri di un uomo di 60 anni e di una donna di 45, marito e moglie, nella loro casa in via Fronte. I due corpi presenterebbero segni aggressione, violenta, efferata, fin troppo per una semplice rapina.

Si esclude l’ipotesi dell’omicidio-suicidio

I due coniugi sono i gestori di un ristorante in una frazione del comune di Comacchio, “La Greppia”, a  San Giuseppe di Comacchio. . L’uomo, Salvatore Vincelli, 59 anni, era a terra in garage e la moglie, Nunzia Di Gianni, 45 anni, si trovava in cucina, entrambi con dei sacchetti di plastica in testa e segni evidenti di aggressione. La coppia viveva in affitto in via Fronte Primo Tronco, a Pontemaodino, teatro della tragedia. Al momento l’unica certezza degli inquirenti – che continuano a indagare – è che si tratti di un duplice omicidio. «È un avvenimento che ha sconvolto tutta la comunità» ha commentato il sindaco di Codigoro, Alice Zanardi.  Si esclude l’ipotesi di un omicidio-suicidio, avanzata nei primi momenti e prima del sopralluogo , considerato le lesioni che i due avrebbero alla testa. Il figlio della coppia vive e studia a Torino ma in questi giorni era in paese dai genitori, almeno stando alle prime ricostruzioni degli inquirenti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA