Sale la febbre nel Pd. Renzi al veleno: «D’Alema? Esperto di lotta fratricida»

giovedì 29 Settembre 20:38 - di

Sale la febbre nel Pd. La campagna per il referendum sta facendo deflagrare un partito già diviso da tante rivalità e reciproche antipatie. Il suggello finale a questa giornata di ordinaria rivalità piddina arriva in serata, quando Renzi lancia queste parole al vetriolo contro D’Alema. «D’Alema sui punti della riforma, per storia personale, è totalmente d’accordo. Ma siccome ha come obiettivo la distruzione di una persona e di un’esperienza, fa la sua battaglia. Auguri. D’Alema è un esperto di lotta fratricida in casa. Citofonare Romano Prodi e Walter Veltroni per sapere di che stiamo parlando. Se si fosse impegnato a combattere il centrodestra quanto ha combattuto i suoi compagni di partito, questo Paese sarebbe diverso». Il vaso di Pandora è scoperchiato e i venti di tempesta imperversano a largo del Nazareno.

Bersani: «Con Renzi finiamo nel burrone»

La giornata era cominciata con un colpo di clava di Bersani contro Renzi in una intervista rilasciata dall’ex-segretario del Pd a la Repubblica. «Come fa Renzi a non vedere quel che sta succedendo in Europa e nel mondo? Come fa a non sentire quel che ribolle sotto di noi… Io lo sento, lo sento. Si comporta da irresponsabile, così finiamo nel burrone. Eppure il 2018 è lì che arriva. E se lui dice che vince il Sì e tira dritto, senza cambiare l’Italicum, andiamo a finire contro un muro».

Anche Cuperlo attacca Renzi 

Nel corso della giornata, una dichiarazione di Renzi fa poi inuriare mezzo Pd. «Inutile girarci intorno: i voti di destra saranno decisivi al referendum. La sinistra, ormai, è in larghissima parte con noi».  Primo ad alzare la voce, Gianni Cuperlo: «Il referendum si vince a destra non è una bella frase detta dal segretario del Pd».

Renzi tenta di spiazzare la minoranza: «Pronto a cambiare l’Italicum»

Alla fine l’attacco a D’Alema, corredato da un tentativo di spiazzare la minoranza Pd. «A me costa fatica perché credo che l’Italicum sia la legge elettorale perfetta, funziona benissimo. Ma sono pronto a fare una discussione vera e anche a cambiarla. Perché la legge elettorale è meno importante del referendum, così come la mia carriera personale è meno importante del referendum. Mi va bene trovare le ragioni che ci uniscono». Renzi non fa che ribadire una disponibilità già manifestata. Ma è difficile che la manovra funzioni. Alla minoranza dem scotta  ancora  la beffa della mozione della maggioranza sull’Italicum passata alla Camera la scorsa settimana.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *