Vasta operazione anti-pedofilia in tutta Italia: 5 arrestati e 16 denunciati

lunedì 11 Luglio 10:26 - di
pedofilo ucciso in cella

Ancorta mostri mimetizzati sul web. Ancora bambini intrappolati nella rete di pedofili seriali. Ancora vittime innocenti di abusi fisici e psicologici. Oggi, l’ultima indagine a caccia di questi esseri abietti che si nascondo e operano nel buio ha portato all’arresto di cinque cittadini italiani ed altri 16 denunciati per produzione, diffusione e condivisione di materiale pedopornografico online nell’ambito di una vasta operazione antipedofilia condotta dalla Polizia su tutto il territorio nazionale.

Operazione anti-pedofilia: 5 arresti e 16 denunce

I cinque arresti, eseguiti nell’ambito di perquisizioni domiciliari, sono avvenuti in Lombardia, Toscana, Trentino Alto Adige e Lazio. Tutti gli arrestati, quattro dei quali erano incensurati e non conosciuti dalle forze dell’ordine, sono stati sorpresi a detenere e condividere ingenti quantità di materiale pedopornografico con minori. L’operazione nasce da segnalazioni dell’Europol e della polizia belga nel settembre 2015, che sviluppate dalla Polizia italiana, hanno portato a delle connessioni internet ed al tracciamento, a mezzo dei file di hash, del materiale pedopornografico scambiato e condiviso tra gli indagati. Indagati insospettabili, anonimi, e tutti collegati in rete dall’ossessione per la pedofilia. Non a caso, allora, le indagini, condotte dal Compartimento Polizia Postale della Basilicata con il coordinamento del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, hanno rilevato, «anche in questa occasione, la trasversalità dei profili dei responsabili».

Ecco i profili “trasversali” degli indagati

Tra loro, per esempio, figura un perito elettronico, supervisore di una azienda farmaceutica, con precedenti specifici risalenti al 2002-2003. Un operaio generico, tuttora in stato di detenzione, residente presso i genitori, nella casa dei quali custodiva un’ingente quantità di materiale pedopornografico all’interno di una stanza chiusa a chiave, dove solo lui aveva accesso, e tappezzata di poster con giovani attrici dall’aspetto adolescenziale. Tra loro, anche un ultrasettantenne, cardiopatico e diabetico, ex direttore di un ufficio postale, a casa del quale sono stati rinvenuti 21.000 file (15.000 immagini e 6.000 video) con abusi su minori anche di tenera età, nonché fumetti pedopornografici, tutto meticolosamente catalogato e salvato su hard disk esterno e pen drive. Tra loro, poi, non manca neanche un ingegnere elettronico, colto in flagranza, mentre era intento a condividere una cartella con 600 file su circuito peer-to-peer. C’era, infine, un pensionato, ex operatore ecologico, peraltro nonno di due nipotini di 8 e 10 anni, che aveva l’abitudine di scaricare sul pc portatile e custodire il materiale pedopornografico su pen drive (ben 47) rinvenute sparse in tutto l’appartamento. Tutti loro, adesso,  dovranno rendere conto del loro “operato” sul web.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *