Salvini: «La Lega ha perso? Mi viene da ridere. Renzi, invece, mi fa tenerezza

martedì 21 giugno 15:05 - di Redazione

«A Milano non siamo stati abbastanza coinvolgenti e appassionanti, perché se mezzo milione di milanesi sono rimasti a casa vuol dire che, al di là dei nomi, bisogna fare di più e meglio. Per questo noi sabato ci troviamo a Parma, per costruire un progetto concreto su tasse, fisco, lavoro, Europa e immigrazione. Chi ci sta è il benvenuto nel centrodestra, chi ha dubbi o chi pensa al passato farà altro». Davanti ai cronisti di Montecitorio, Matteo Salvini non nasconde l’insuccesso elettorale del secondo turno (ma non una débâcle come scrive la stampa).

Salvini: nessuna sconfitta

La Lega Nord ha perso queste elezioni? «E divertentissimo, abbiamo raddoppiato i sindaci – risponde Salvini – mi auguro di perdere anche la prossima volta. Sì, c’è qualcuno a cui non stiamo simpatici, poi vengono smentiti anche da loro stessi: c’è Battista sul Corsera che dice che è stato un disastro e poi il Corsera stesso oggi dice che invece siamo andati bene. Si mettessero d’accordo». Certo alcune sconfitte fanno male, da Varese a Milano, ma – sottolinea il leader del Carroccio – c’è il doppio dei sindaci che avevamo fino a 15 giorni fa, anche in terre come la Romagna, la Liguria o la Toscana che non erano propriamente verdi. Si può far meglio ma son contento». Gli effetti delle comunali sul governo? «Ora il problema è tutto di Renzi. Poverino, fa tenerezza. Renzi si era fatto la sua legge elettorale, la sua riforma, il suo referendum e adesso ha capito che quello che si è fatto per due anni gli torna indietro in maniera impropria. Vediamo cosa farà, gli sono vicino».

Suicidio di Forza Italia a Roma

«Quello che proprio non mi va giù è il suicidio di Fi a Roma. Forza Italia scientemente e coscientemente ha deciso di perdere, non sostenendo Giorgia Meloni e aiutando Giachetti ad andare a un ballottaggio sanguinario e disastroso, e devo ancora capire perché Berlusconi e Fi hanno voluto perdere Roma consegnandola ai Cinque Stelle. Io non l’ho ancora capito».

L’attacco a Mattarella

«Il signor presidente Mattarella insiste: “I rifugiati, giovani di talento e capacità, sono una ricchezza per l’Italia in calo demografico”. Parla come gli schiavisti di secoli fa, e se ne frega delle migliaia di giovani italiani costretti a scappare all’estero per avere un futuro». Forse per distogliere i riflettori dalla perdita di Varese, dopo oltre vent’anni, Salvini su Facebook ha attaccato ad alzo zero il capo dello Stato. Ma stavolta nessuna bufera mediatica.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi