La Lazio e i suoi miti indistruttibili in un libro di Vincenzo Cerracchio

domenica 26 Giugno 16:22 - di

“Prima è nata la Lazio, i tifosi sono venuti dopo”. E’ stata la frase più applaudita alla presentazione del libro del giornalista sportivo Vincenzo Cerracchio, Controstoria della Lazio (Historica) alla libreria Cultora di Francesco Giubilei e Daniele Dell’Orco. Pomeriggio romano afoso, ma tantissima passione concentrata in quei locali da poco aperti al quartiere Appio, con l’autore che spiega di come ci è cresciuto, dentro le partite biancocelesti, da laziale prima ancora che da cronista del Messaggero. E poi ci sono loro, Felice Pulici e Pierluigi Pagni, a spiegare che laziali si diventa perché in qualche modo si è predestinati all’onore di vestire quei colori. Pulici, di cui tutti vogliono la firma sul libro, che ricorda la Lazio di Maestrelli e commuove e si commuove. Pagni che spiega come si era determinati a tutto, nella Lazio degli anni Sessanta di cui era capitano, grazie al calore e all’entusiasmo dei tifosi.

Il libro non è una storia regolare, non segue un ordine cronologico: scorre, grazie a una scrittura coinvolgente, tra aneddoti, partite storiche, citazioni e ritratti, tra gli alti e bassi di una squadra che ha avuto i suoi anni epici e le sue tragedie ma sempre restando “fortissima di cuore”. Una squadra che più ancora che sui trofei vinti può confidare su un modo d’essere, la lazialità, che è tutto suo, e che significa esportare l’idea olimpica dello sport. “Amare i colori biancocelesti come simbolo di purezza, amare lo sport per tutto quello che di meraviglioso può dare ai giovani, la voglia di vincere o meglio di superare se stessi, sempre nel grande rispetto dell’avversario. La sconfitta fa parte dello sport e della vita, non c’è vittoria che non sia stata preceduta da una sconfitta”.

La Lazio e i luoghi comuni, che Cerracchio smonta uno a uno, da quello del laziale “burino” a quello del laziale “fascista”. “Sul muretto della curva – scrive – c’erano fianco a fianco il marxista e l’ordinovista, il praticante avvocato e lo scippatore seriale, il ragazzetto con la paghetta in tasca e il padre di famiglia con le scarpe bucate. Il calcio era una livella, come la morte che azzera tutto nella splendida poesia di Totò”.

La Lazio e il derby, la partita più seguita nella Capitale, il cui clima viene restituito attraverso spigolature e memorie, come la storia unica e irripetibile di Cesar Gomez, il difensore giallorosso schierato da Zeman in coppia con Servidei nel derby perso dalla Roma il 2 novembre del ’97. Gomez non giocò più nella Roma, anche se a Sensi era costato 6 miliardi. “Restò celebre l’ironia di un tifoso romanista che gli si avvicinò all’uscita di Trigoria e gli disse serafico: ‘A Gomez, se c’hai ‘na penna te faccio n’autografo’ “.

La Lazio e Giorgio Chinaglia, il calciatore cui i laziali hanno perdonato tutto, le sue amicizie pericolose, la sua ritirata, i suoi capricci da emigrante voglioso di riscatto. Chinaglia che pretendeva di fare tutto da solo, che andando in campo si ripeteva “Andiamo Chinaglia andiamo”, non “Andiamo Lazio” o “Andiamo ragazzi”. “Era sempre lui contro tutti, la sua forza più che il suo limite”.

La Lazio che è per sempre, come le sue memorie, di cui i tifosi si nutrono con accorata curiosità. Un desiderio che si può appagare con i testi canonici, come come la storia di Mario Pennacchia, Lazio Patria nostra, o con questa controstoria di Vincenzo Cerracchio, cercando tra le pagine conferme, scoperte, tracce di 116 anni di cammino dei personaggi che fecero l’impresa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *