Siamo in guerra, ma per la Procura di Varese il pericolo è l’apologia di fascismo

giovedì 24 marzo 9:59 - di Guglielmo Federici

Per alcune frasi su Facebook che inneggiano al fascismo, considerazioni razziste e anche frasi virulente sull’immigrazione, 13 persone sono state denunciate nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Varese. Mentre tutta Europa trema di fronte al terrorismo e si attendono misure concertate a livello di intelligence per stroncare eventuali  attacchi  anche in Italia, ecco che è sorprendente constatare che la “minaccia” venga solo da alcuni siti su  Facebook secondo i livelli di indagine di slcue procure. Fb è  diventato ricettacolo di false notizie, sfogatoio di chiunque, piattaforma privilegiata per terroristi e pedofili, terreno di scontri minacce e insulti personali, ma il meccanismo di censura scatta a intermittenza. I controlli della polizia si sono concentrati, in particolare, su un gruppo sul social network chiamato “Vessilli neri-boia chi molla”. La pagina, con circa mille iscritti, avrebbe ospitato frasi e commenti che, secondo le accuse, costituirebbero apologia del fascismo o istigazione all’odio razziale. Tra i 13 denunciati ci sono gli amministratori del gruppo e utenti di Facebook, che sono stati individuati facilmente in quanto “ci hanno messo la faccia” pubblicando le frasi con il loro vero nome. Questi sarebbero il pericolo pubblico numero uno….

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza