Quattro anni dopo per i marò l’odissea non è finita. Parla la moglie di Girone

lunedì 15 Febbraio 10:21 - di

Quattro lunghi anni: era il 15 febbraio 2012 quando iniziò l’odissea dei due marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre e ancora non è stato chiuso un capitolo che ha leso la dignità dell’Italia facendone precipitare la credibilità. A parlare in questo anniversario e senza che si siano raggiunti risultati concreti (incredibile, dopo tutto questo tempo) è Vania Ardito, la moglie di Salvatore Girone, ancora trattenuto in India (Latorre è in Italia per curare i postumi di un ictus). “Salvatore – afferma la moglie intervistata dal Giornale  – si sente come si sentirebbe qualsiasi uomo ingiustamente privato della sua libertà. Mio marito dice sempre ai suoi figli, alla sua famiglia, che vuole tornare a casa”. In quattro anni e tre governi che si sono succeduti molte cose non hanno funzionato visto che, come sottolinea Vania, “nei confronti di Massimiliano e Salvatore non è neppure stato emesso un capo d’accusa e in ogni caso il processo a loro carico non si deve celebrare in India ma in Italia”. Ora è stata imboccata la strada dell’arbitrato internazionale: avrà successo? “Credo che la giustizia arbitrale ci permetterà di fare passi in avanti, finalmente siamo usciti dal circolo vizioso della giustizia indiana”. E l’umore di Salvatore Girone? “Salvatore è impiegato nell’ufficio militare dell’ambasciata e nel tempo libero studia. Dopo essersi diplomato si è iscritto all’università, ha tanta voglia di imparare e continuare a crescere. In questo modo cerca pure di trasmettere ai figli un esempio di padre che non si fa condizionare dalla triste realtà, ma che trova motivazioni per andare avanti”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *