Ilaria Cucchi e la foto che fa scandalo: ecco la faccia di chi ha ucciso Stefano

domenica 3 Gennaio 20:00 - di

Ilaria Cucchi pubblica su Facebook la foto di uno dei carabinieri indagati per la morte del fratello, Stefano, e scoppia subito un caso. Il punto è il seguente: può la sorella di un ragazzo che è stato picchiato fino a morirne essere “complice” di una sorta di linciaggio mediatico? La stessa Ilaria se ne è resa conto intervenendo sempre sulla sua bacheca Fb per calmare gli animi. L’immagine postata sul social network mostra il militare in costume da bagno, mentre posa “virilmente” sorridente per un fotografo a petto nudo tra gli scogli e con il fisico ben in mostra. Una foto che la stessa Ilaria commenta così: “Volevo farmi del male, volevo vedere le facce di coloro che si sono vantati di aver pestato mio fratello, coloro che si sono divertiti a farlo. Le facce di coloro che lo hanno ucciso. Ora questa foto è stata tolta dalla pagina. Si vergogna? Fa bene”.
Nei giorni scorsi era circolato su Fb l’audio della telefonata in cui la ex moglie di uno dei carabinieri indagati dice al marito: “Vi siete divertiti a pestare quel drogato di merda, me lo hai detto tu”. Parole che pesano come pietre su un caso che a distanza di anni vede ancora non assicurati alla giustizia i responsabili di quel decesso.
Puntuali, sulla bacheca di Ilaria Cucchi, sono arrivati i commenti contro il militare indagato, con qualcuno che ha anche proposto una ronda anti-carabiniere. Ma a smorzare i toni è stata la stessa Ilaria Cucchi che un paio d’ore dopo ha invitato tutti a moderare i termini. “Non tollero la violenza, sotto qualunque forma – ha scritto -. Ho pubblicato questa foto solo per far capire la fisicità e la mentalità di chi gli ha fatto del male ma se volete bene a Stefano vi prego di non usare gli stessi toni che sono stati usati per lui. Noi crediamo nella giustizia e non rispondiamo alla violenza con la violenza. Grazie a tutti”. Ma c’è chi le replica: se non tollera la violenza perché la istiga? Che senso aveva mettere quella foto?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *