Alcatraz, la fuga riuscì. E i fratelli Anglin vivrebbero ancora in Brasile

venerdì 16 ottobre 16:23 - di Gioacchino Rossello

La fuga da Alcatraz fa discutere ancora. Nel film di Don Siegel, con un mitico Clint Eastwood protagonista, l’interrogativo rimase senza risposta. Ma adesso, dopo mezzo secolo, comincia a farsi strada l’ipotesi che i due fratelli Anglin siano davvero riusciti nel loro intento: fuggire dal penitenziario più famoso e impenetrabile al mondo nuotando nelle gelide acque che circondavano “The Rock“. History Channel ne ha fatto una storia per i sui utenti. Storia dove si ipotizza, appunto, la riuscita della fuga di John e Clarence Anglin. E non solo. Gli Anglin, scappati da Alcatraz mezzo secolo fa, si sarebbero rifatti una vita in Brasile, dove probabilmente vivono tutt’ora con mogli e figli. I due fratelli scontavano ad Alcatraz una condanna per la rapina ad una banca nel 1962. Come diversi altri reclusi avevano provato a fare prima di loro, una volta in prigione, idearono un piano di fuga. Ma al contrario degli altri 33 tentativi tutti falliti, i due riuscirono a scavare un tunnel sotto le celle usando dei semplici cucchiaini. Dopo una rocambolesca fuga attraverso i cunicoli e le fogne del penitenziario, (Alcatraz sarebbe stato chiuso l’anno successivo) si gettarono di notte nelle acque della Baia di San Francisco. E lì scomparvero. Quelli dell’Fbi, probabilmente per minimizzare lo smacco, hanno sempre sostenuto che i due fuggiaschi di Alcatraz fossero annegati. Ma il loro nipote Ken Widner, che oggi ha 54 anni, si è convinto che ce l’abbiano fatta e siano finiti in Brasile. Addirittura, l’amico dei fratelli, Fred Brizzi, un trafficante di droga che faceva affari fra la Florida e l’America Latina negli anni Settanta, disse di averli incontrati lì nel 1975 e ha anche mostrato alla famiglia una foto del 1992: due uomini con occhiali da sole in una fattoria. Pare si tratti proprio dei fratelli Anglin. E sembra che dalle parti di Hollyvood più d’uno stia pensando ad un sequel per raccontare ancora la vicenda della incredibile fuga da Alcatraz. Con tanto di nuovo finale. E con assalto al botteghino garantito.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi