Immigrazione, le regioni del Nord contro Renzi: “Fai solo chiacchiere”

venerdì 26 giugno 8:15 - di Redazione

I governatori del Nord stoppano Renzi: «Fai solo chiacchiere» Da Zaia, Toti e Maroni: «Sull’accoglienza ai migranti basta con la politica delle belle intenzioni. Ci vogliono i fatti» Massimiliano Scafi su “Il Giornale pone l’accento sul tema del rimpatrio: «I profughi di guerra si accolgono, i migranti economici vengono rimandati a casa», dice Matteo Renzi ai presidenti di Regione convocati a Palazzo Chigi con l’Anci per cercare un’intesa. Il piano prevede due voli a settimana pagati dall’Europa, procedure snelle per le richieste d’asilo, centri di smistamento internazionali, nuovi accordi con le polizie africane e undicimila posti da trovare subito per sollevare la Sicilia. Ma lo spariglio non riesce, i governatori del nord restano fermi sulle loro posizioni. «Solo parole, nessuna proposta concreta», dice Roberto Maroni, mentre Luca Zaia invita i prefetti «a ribellarsi, a non rispondere al telefono quandochiama il governo».

Sull’immigrazione è fonte Maroni-Zaia contro Renzi

Solo Giovanni Toti sembra appena meglio disposto: «È una buona cosa che il presidente del Consiglio ci abbia voluto vedere prima di andare a trattare con la Uè, però non c’è ancora una strategia perbioccare i flussi». Risultato, vertice fallito. Il premier parte per Bruxelles conia pistola scarica. E Renzi è il primo a rendersene conto. «Noi andiamo comunque avanti, ma partiamo da unaposizione debole se dentro inostri stessi confini non riusciamo a trovare una risposta condivisa». Come si fa infatti a parlare di quote europee se nemmeno le Regioni italiane vogliono accollarsi una parte dei migranti? Per il presidente del Consiglio ci sono due modi peraffrontare ilproblema. Il primo è «rinfacciarsi il passato» discutendo degli accordo di Dublino, «una strada che non porta a niente». Il secondo «cercare insieme soluzioni che rispondano a requisiti etici e criteri di ragionevolezza. Più l’Italia si mostra compatta, meglio è». Appunto.

Renzi ha riconvocato le Regioni tra 15 giorni.

Il più deluso alla fine è Maroni. «Ho sollevato problemi concreti, il governo ha risposto “ne riparleremo”. Ho chiesto di sapere il luogo dove si fa la verifica di chi è richiedente asilo e chi migrante. Ho detto che non c’è possibilità di distinguerli, che non si può fare un rimpatrio. Niente, solo generiche dichiarazioni d’intenti. E’ assolutamente incredibile».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi