Berlusconi e Renzi, l’incontro è deciso. Il Cav andrà nella sede nazionale del Pd

venerdì 17 Gennaio 21:17 - di

Si vedranno nelle prossime ore e, salvo colpi di scena, il faccia a faccia si svolgerà nella sede nazionale del Partito Democratico. L’atteso incontro tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi resta in programma nonostante abbia scatenato il cataclisma all’interno del Pd e rischi di minare la stabilità della maggioranza di governo. Berlusconi aveva fatto sapere già da diverso tempo al leader Democratico tramite i suoi ambasciatori, Verdini in testa, la disponibilità a un faccia a faccia anche nel quartier generale dei Dem: “Sono andato nella sezione storica del Pci a via dei Giubbonari – ha ripetuto più volte in questi giorni ai suoi – figuratevi se non vado nella sede nazionale del Pd”.

Che il Cavaliere guardi con simpatia al sindaco fiorentino non è un mistero per nessuno. Quello che ha colpito molto il Cavaliere – spiegano negli ambienti di FI – è che per la prima volta un segretario del Pd, soprattutto di una generazione lontana dalla sua, lo riconosca ufficialmente come il leader del centrodestra, l’unico che ha i voti. Certo, al di là che l’incontro si concluda o meno con un accordo, il faccia a faccia del Cavaliere con il segretario del Pd rientra in una strategia ben precisa: dopo il voto sulla decadenza, il colloquio rilegittima il capo di Forza Italia. Berlusconi poi è pronto a chiudere un accordo sul sistema di voto messo a punto da Denis Verdini e Roberto D’Alimonte e rilancia anche sulla possibilità di andare alle urne a maggio insieme con le europee: Renzi – spiega – deve capire che questo governo rischia di logorarlo. Deve cogliere l’occasione ed andare al voto. Una strada che non è esente da rischi perché rischia di spaccare il Partito Democratico con la sinistra dem pronta ad abbandonare il partito di fronte ad un’intesa con Forza Italia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *