Marino e Renzi: ciclisti per caso, tifosi per necessità, cantastorie di professione

giovedì 19 Settembre 20:14 - di

Dai sindaci-Re Mida, che sembrava trasformassero in oro tutto ciò che toccavano (ve lo ricordate Bassolino?), al sindaci stile Lance Armstrong, «datemi le due ruote e cambierò la città» proprio come Archimede voleva una leva per sollevare il mondo. Salvo poi essere accusati di doping mediatico e magari squalificati. Ignazio Marino e Matteo Renzi – i presunti emergenti della politica – hanno battezzato la nuova moda e non a caso, ultimamente, si sono stretti in un abbraccio ai piedi del Colosseo. Tutt’e due in bicicletta, per ritagliarsi un’immagine nazional-popolare, nella speranza di diventare gli acchiappaconsensi per eccellenza, prendi i voti e scappa. Tutt’e due con patetiche frasi a effetto dal calor familiare, chi incontra la donna che gli ha scritto la lettera e chi stringe le mani commosso per strada. Tutt’e due tifosi per l’occasione, nel tentativo di far breccia negli ultrà, e non importa se non conoscono nemmeno i nomi dei calciatori che giocano nella Roma e nella Lazio. Tutt’e due amanti degli show, dove vedono una telecamera si buttano a capofitto, il sindaco di Firenze è andato persino ad Amici vestito alla Fonzie di Happy Days. Le ultime performance li hanno visti protagonisti – per l’ennesima volta – in bicicletta. Marino si è recato nella zona di Tor Sapienza, dove era esplosa la polemica per la nuova ondata di nomadi che ha invaso il quartiere, per tranquillizzare gli animi con qualche sorriso e pacche sulle spalle. Chiaramente l’ha fatto sul sellino della bici e con il caschetto in testa. A distanza di chilometri, Renzi ha fatto la stessa scelta e su Facebook ha raccontato di aver preso la bici e di essere andato in giro «da solo, senza codazzo». Il motivo? Gli è utile «fare sopralluoghi senza avvisare nessuno» magari «affrontando anche i cittadini contrari a qualche progetto dell’amministrazione». Quasi con le lacrime agli occhi, alla stessa stregua di un attore hollywoodiano, ha aggiunto: «Vai in bici e non hai né scorte né lampeggianti, sei in mezzo alla tua gente». E ha concluso con un «Alè viola», tanto per completare il quadro e passare dai film allo stadio. L’unica differenza tra i due sindaci è la bandana: Renzi l’ha indossata, riuscendo a conquistare la copertina di un settimanale. A Marino gli è sfuggita di mente, gli sarebbe stata utile quando ha attraversato i Fori imperiali sotto il sole e avrebbe fatto notizia. Sarà per la prossima volta. Non resta che ascoltarli in un video, come cantastorie sono impareggiabili anche se difficilmente saranno accompagnati dalla chitarra di Apicella.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *