Le urne fanno paura: Bersani si scopre amico di Renzi

23 Gen 2013 12:55 - di Romana Fabiani

Solo gli stupidi non cambiano idea. Se poi si aggiunge la paura per il calo di consensi nei sondaggi ogni piroetta è legittima. Gli ex nemici Bersani e Renzi, che nel duello delle primarie non si sono risparmiati accuse reciproche, veleni e coltellate, oggi si danno la mano, occhi negli occhi, per colpire uniti l’obiettivo elettorale.  Non solo a Firenze il sindaco rottamatore, di cui si erano perse le tracce, sarà in tandem con il segretario ovunque ce ne sia bisogno, dal Nord al Sud. «Sono a disposizione, mi dicano cosa devo fare e lo farò», dice l’umile Matteo da Palazzo Vecchio, «sono disposto a fare il semplice presentatore. Pier Luigi mi faccia sapere». Una distanza siderale dai toni e dal ruvido linguaggio di poche settimane fa contro l’establishment democratico. Renzi è “arruolato” e lo staff di Bersani è costretto a rivede in fretta e furia l’agenda, spostare le date, cambiare la scaletta degli interventi. Gli appuntamenti comuni forse diventeranno tre, ma potrebbero aumentare. Dopo lo sperato bagno di folla fiorentino (l’incontro è previsto il primo febbraio, all’Obihall) gli ex avversari dovrebbero replicare in Lombardia e  in Veneto. Definitivamente superate le resistenze dei rispettivi staff?  Ma sì, pur di battere l’odiato Cavaliere e ridimensionare le ambizioni di quel “traditore” di Monti che aveva promesso di fare l’arbitro. Il governatore emiliano Vasco Errani, che tiene i contatti con il sindaco e prepara il cartellone, vorrebbe portarlo anche in Emilia, «me lo hanno chiesto, la campagna elettorale del Pd è una, tutti sono coinvolti». Come una Madonna pellegrina da esibire per sedurre i giovani rottamatori e i moderati anti-Vendola, Renzi viene conteso anche in Campania e nelle Marche. Il dalemiano Gianni Cuperlo gli ha chiesto di fare qualcosa assieme anche a Prato, voci di corridoio poi smentite hanno diffuso la notizia di una possibile iniziativa con Massimo D’Alema, se così fosse sarebbe davvero troppo. «Valorizzeremo le potenzialità di ciascuno. Matteo e Pier Luigi possono stare benissimo sul palco insieme», fanno sapere da largo del Nazareno, «i risultati si vedranno il giorno del  voto». Appunto

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA