Epifania, tanti giocattoli nella calza della Befana. Ma gran parte sono “cinesi”

sabato 5 gennaio 12:06 - di Redazione

L’Epifania continua ad essere amata dagli italiani. La tradizione si rinnova, dalla fatidica calza al corteo dei Re Magi. Bambini emozionati, anche impauriti, che si svegliano e scoprono i regali. Ma quali sono i pacchi che imperversano. Secondo la Confartigianato, sono sempre più numerosi i giocattoli stranieri che finiscono nella calza della Befana dei nostri piccoli. E la parte del leone la fa la Cina da dove proviene il 47,9% delle nostre importazioni di giochi e giocattoli. Nonostante questo quadro, però, 350 piccole e medie imprese nazionali difendono il Made in Italy con forza, attraverso esportazioni per 369 milioni di euro.

Il quadro offerto dalla Confartigianato

Sempre secondo la Confartigianato, in base a dati Eurostat, la crescita del 41%, negli ultimi dieci anni, dell’import nell’Unione europea di questi prodotti realizzati in paesi extra Ue. Complessivamente lo scorso anno i 28 Stati dell’Ue hanno acquistato giocattoli dal resto del mondo per un valore di 7,4 miliardi di euro e ne hanno esportati per 1,4 miliardi di euro. Per l’Italia le importazioni

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi