«Non ho mai mollato». Emma Marrone a sorpresa lancia “Essere qui” (video)

È un mood più maturo quello che contraddistingue Essere qui, l’ultimo album di Emma Marrone in uscita per Universal il 26 gennaio. Maturo perché la cantante torna a parlare alle donne e delle donne con più riflessività e consapevolezza, senza perdere il suo stile carnale e riottoso. Meno autrice e più interprete rispetto al precedente Adesso, ha un sound internazionale che strizza l’occhio a diversi generi tra cui Funk, Soul, Pop e Rock. Da maggio Emma comincerà il tour nei palazzetti, partendo il 16 dal Palalottomatica di Roma. Come per Adesso l’artista salentina figura nel disco anche in veste di produttrice, ma è meno presente come autrice. L’eccezione è la ballata Sorrido lo stesso. «È la sintesi forse non perfetta, ma sicuramente la più sincera possibile, della carriera che mi ha portato fin qui – dice Emma alla presentazione milanese del disco – una dichiarazione nuda e cruda di ciò che sono e della strada che ho fatto fino ad oggi per andare incontro al mio grande sogno. Nonostante le mie debolezze e le difficoltà non ho mai mollato». Debolezze affrontate durante i due anni e mezzo di stesura del disco, in cui l’ex vincitrice di Amici ha trovato l’equilibrio giusto per un nuovo suono, più internazionale e di ampio respiro senza l’ansia di dover dimostrare «niente a nessuno – racconta – Spero di essere cambiata in meglio. Faccio scelte azzardate ma le faccio io, con la mia testa. Non faccio questo mestiere per accontentare o accontentarmi. È un disco più equilibrato dove mi sono presa del tempo per ascoltare me stessa e meno gli altri».

Emma, l’album anticipato dal singolo “L’isola”

Tolta l’ansia di dimostrare il proprio valore a tutti i costi, l’illuminazione che ha dato il via al nuovo progetto musicale nasce dal singolo L’isola che apre il cd. «È il primo brano che ho ascoltato due anni e mezzo fa – spiega la cantante – Mi ha dato spinta per cominciare il disco. È stato un fascio di luce che mi ha illuminato. Sceglierla come singolo è stato un modo per ringraziare quella canzone perché da lì è nato tutto». Dal punto di vista musicale convivono diversi generi, suonati da artisti dal calibro internazionale come Paul Turner, bassista dei Jamiroquai e Adriano Viterbini, chitarrista blues della band italiana Bud Spencer Blues Explosion. Una eterogeneità che risponde all’esigenza di pensare ai brani come canzoni da suonare in tour. Quest’ultimo partirà il 16 maggio dal Palalottomatica e proseguirà a Milano, Torino, Padova, Firenze, Acireale e Napoli. «È un album concepito per essere suonato ai concerti perché il palco è il mio habitat naturale, lì davvero mi sento a mio agio», conclude Emma.