L’esercito della bellezza di Kim. Ecco come vengono “scelte” le donne

Viene definito l’esercito della bellezza di Kim Jong Un e per entrare a farne parte è necessario possedere determinati requisiti, valutati personalmente dal leader nordcoreano. Sono le ragazze della squadra delle cheerleader della Corea del Nord che, pronta a partire per le Olimpiadi invernali di in programma dal 9 al 25 febbraio, sta già attirando molta attenzione nelle speranze di aumentare le vendite dei biglietti.

Le ambasciatrici della riconciliazione

Non è la prima volta che le ragazze assumono il ruolo di ambasciatrici della riconciliazione tra il Nord con il Sud e il resto del mondo: da quanto sono cominciate le tensioni con Seul sono andate nel Paese vicino per tre volte. La prima apparizione fu ai Giochi Asiatici del 2002 a Busan, città della Corea del Sud, quando si esibirono in 300, indossando abiti tradizionali coreani, chiamati hanbok, e sventolando le bandiere delle due Coree unite.

L’esercito della bellezza, le regole

 Entrare nella squadra di cheerleading non è facile. Kim e i funzionari nordcoreani “scelgono” le donne, che non hanno più di vent’anni, in base al loro aspetto e all’estrazione sociale. Tra i requisiti ci sono un’altezza superiore a 163 cm, la capacità di eseguire coreografie sincronizzate e di suonare uno strumento, nonché la provenienza da un’università prestigiosa. Inoltre devono essere devote al leader supremo.

Lo stesso Kim Jong-un ha detto al quotidiano The Korea Times che tutte sono state scelte per il…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi