Pensioni, si fa sempre più nera: il governo prospetta rischi

La spesa pensionistica continuerà a salire, per i prossimi 20 anni, raggiungendo il picco massimo nel 2040, quando toccherà il 18,4% del pil. In 20 anni, cioè rispetto al 2020, crescerà di 3,1 punti percentuali, che ammontano a oltre 50 miliardi. I dati mostrano che il capitolo previdenziale prenderà più della metà delle risorse destinate al welfare (che raccoglie la sanità, la scuola, gli ammortizzatori sociali e il long term care). Le risorse per le pensioni registreranno una crescita ininterrotta, passando dal 15,3% del pil, al 16% cinque anni dopo, al 16,9% nel 2030 e al 17,9% nel 2035, per toccare il picco massimo nel 2040. Nello stesso periodo la spesa complessiva passerà dal 26,9% del pil nel 2020 al 30,7% nel 2040 (+3,8 punti). Seconda voce, per importanza, è quella della sanità che nel 2020 parte dal 6,3% del pil per arrivare al 7,3% nel 2040, crescendo di un punto percentuale.

Pensioni, riduzione per la scuola

Per la scuola si stima una riduzione delle risorse, in termini percentuali, passando dal 3,4% del 2020 al 3,1% del 2040. Mentre al capitolo long term care (ltc) è destinato l’1% del pil nel 2020, che sale fino all’1,3% nel 2040. In calo anche gli ammortizzatori sociali, che dallo 0,8% del pil passano allo 0,6%. Le previsioni proseguono fino al 2070, con aggiornamenti quinquennali, disegnando una traiettoria discendente della spesa pensionistica, che tra circa mezzo secolo dovrebbe arrivare al 13,8% del pil. Proseguirà invece il percorso in salita per la sanità, fino al 2050-2060, quando arriverà al 7,7%, per poi registrare un lieve calo (7,6% del pil nel 2070). La spesa destinata al ltc salirà fino al 2060-2065, arrivando all’1,7%, per poi chiudere il percorso all’1,6%. Stesso percorso per le risorse destinate alla scuola, che vengono stimate in salita (3,4%) nel 2055-2060, per curvare leggermente al 3,3% nelle due elaborazioni successive. Infine gli ammortizzatori sociali, che restano fermi allo 0,6% del pil fino al 2070. Il totale delle spese per il welfare, nel 2070, scenderà al 26,9% tornando esattamente dove era partito cinquanta anni prima.